Dopo la presentazione al CES, finalmente arrivano delle novità su quello che viene definito dagli addetti ai lavori “MacBook Air killer”, il laptop Dell Adamo.

Il nome del notebook deriva dalla ricercatezza estetica che ha rappresentato uno degli obiettivi degli sviluppatori, troppo spesso impegnati esclusivamente solo sui contenuti tecnologici.

Dotato di un’eleganza e una raffinatezza innegabili, con il case in alluminio lucido e solo 1,65 cm di spessore, ma anche di ottime prestazioni, questo laptop si caratterizza per un monitor da 13,4 pollici, un processore Intel Core 2 Duo U9300 con velocità di clock di 1,2 GHz, chipset grafico Intel X4500, 2 GB di memoria RAM, disco a stato solido da 128 GB, tutte le classiche connessioni HDMI/DVI/VGA/USB oltre naturalmente al Wi-Fi integrato e al Bluetooth.

Insomma, sembra proprio che Dell sia decisa a cambiare politica di prodotto, che fino ad ora l’aveva vista impegnata soprattutto a costruire proposte valide sotto l’aspetto tecnico ma non sempre all’altezza di un mercato molto esigente e ricco di prodotti dal design ricercato. In questo quadro va interpretata l’affermazione di Michael Tatelman, il vice presidente di Dell, in quale ha sostenuto:

Abbiamo bisogno di un prodotto-icona, che permetta alle persone di associare Dell a cose diverse.

E la diversità si percepisce anche da un innovativo modo di fare comunicazione, con un mini-sito per la prima volta interamente dedicato ad un prodotto, e da un nome molto diverso dalle classiche sigle dei computer portatili.

Godetevi questo video per cominciare a sognare.