Demi Lovato è entrata da pochi giorni in rehab e ancora non si sono calmate le voci su quale sia la ragione dietro al black-out della giovane star. Il rapporto con Joe Jonas? Le auto-mutilazioni? Bulimia? Addirittura sembra sia stata la scoperta che la loro relazione era solo una mossa pubblicitaria.

Di sicuro si sa che la miccia è scattata nell’aeroporto peruviano dove si trovavano tutti insieme i Jonas Brothers, Ashley Greene, Demi Lovato e relativi ballerini. La sera prima Demi era uscita con un piccolo gruppo di collaboratori, e sarebbe successo qualcosa che non voleva si venisse a sapere.

Probabilmente niente di speciale, ma qualcuno ha fatto la spia, e Demi l’ha presa male:

C’è stato un breve alterco fisico.

Poi pare che la giovane si sia rivoltata contro Ashley e l’abbia minacciata. Dopodiché l’ingresso in rehab, per stress fisico e psicologico, dovuto per altro a

Problemi alimentari e automutilazioni.

E su questo tema si apre un capitolo notevole. I tagli sui polsi di Demi erano già apparsi mesi fa, ma i portavoce della star li avevano attribuiti a bracciali troppo stretti. Se non fosse che i segni rossi sono apparsi a distanza di tempo numerose volte.

Una voce ancora più clamorosa darebbe il collasso nervoso a una scoperta devastante: Joe Jonas sarebbe stato spinto dalla Disney a frequentarla, come mossa pubblicitaria. Ma a sua insaputa. E quando lui gliel’ha confessato il colpo è stato troppo grande.

Questa sembra un’ipotesi abbastanza fantascientifica, ma i tagli ai polsi sono reali. E sono di sicuro la manifestazione di un certo disagio psicologico. La causa? Ognuno scelga la sua preferita finché non sarà Demi a parlarne.