La pelle delle gambe non sempre appare sana, morbida e liscia dopo la depilazione. Le cause possono essere molteplici: poca idratazione, poca attività fisica, un cattivo trattamento post depilatorio o una tecnica depilatoria poco adatta alla propria pelle.

La depilazione, pertanto, deve essere sempre fatta con criterio: gambe e cosce sono punti molto delicati, sia perché sono quelli più osservati in estate, specie con l’abito corto, sia perché trattarli con poca cura può portare a irritazioni, bruciori e rossori. Prima ancora di scegliere il giusto tipo di depilazione, bisogna poter fare qualche azione preliminare per mantenere in salute le proprie gambe.

Bere molta acqua tutti i giorni aiuterà a renderle visibilimente più morbide: una pelle idratata dall’interno diventa subito bella. Tuttavia, oltre a bere molto, bisogna fare attività fisica. Camminare, andare in piscina o in palestra permette di mettere in moto la circolazione sanguigna, vero e proprio toccasana per le gambe, che appariranno più sgonfie e naturalmente più morbide.

Si sa quanto sia antipatico depilarsi e, al primo tocco, non sentirsi lisce: questo avviene perché durante la ricrescita molti peli rimangono sotto pelle, altri tendono ad incarnirsi. Per evitare ciò, prima di passare alla depilazione vera e propria, almeno due volte alla settimana sarebbe opportuno fare un po’ di scrub alla pelle delle gambe aiutandosi con una spugna vegetale, anche chiamata Luffa.

Proprio per evitare i peli incarniti e sotto pelle, basta applicare sulla pelle un olio emolliente, come l’olio di Mandorle, e lasciarlo agire per un paio d’ore. Poi, passare con la spugna vegetale bagnata o insaponata. Questo procedimento, oltre a togliere i peli permette anche di riattivare la circolazione sanguigna.

La depilazione può essere effettuata usando diverse tecniche: la ceretta, a caldo o a freddo, l’epilatore elettrico o il rasoio. Ognuna di queste modalità ha i suoi pro e i suoi contro: sia la ceretta che l’epilatore elettrico garantiscono una maggiore durata della depilazione, tuttavia sono poco indicati per chi ha capillari fragili, che rischiano di spezzarsi e di mostrare vene e lividi in superficie; chi soffre di questo problema deve tassativamente evitare la ceretta a caldo. La lametta, invece, è una tecnica più delicata, tuttavia non garantisce una lunga durata della depilazione e non contribuisce a indebolire i peli.

Qualunque sia la tecnica scelta, bisogna depilarsi senza andare di fretta: la fretta, infatti, sia nell’applicare la ceretta, che nel passare il rasoio o l’epilatore, non solo porterà a risultati scarsi, ma potrebbe condurre anche a irritazioni e piccoli tagli. Specie nei punti delicati, come il polpaccio, la caviglia o il ginocchio, bisogna passare con molta attenzione e facendo piano: quindi, bisogna sempre depilarsi per piccole zone e non passando l’epilatore o il rasoio per l’intera lunghezza della gamba.

Una volta terminato di depilarsi, bisogna sempre applicare una crema idratante: sarà il tocco finale che garantirà morbidezza e gambe lisce e lucenti.

Fonte: She Knows