Durante i periodi di festa (Natale, Capodanno, Ringraziamento…) per molte persone è un momento di positività e cerimonie, che ci riunisce alla famiglia o agli amici, oppure è un periodo che aspettiamo per concederci le cose per le quali non abbiamo avuto tempo prima.

Per altrettante persone, però, l’arco di tempo che copre queste grandi celebrazioni diffonde stress, confronto con gli altri, ansia e solitudine fino a indurre un certo grado di depressione.

Durante i periodi di festa è normale che ci si senta abbattuti talvolta (per questioni di soldi, relazioni, impegni…) ma alcune persone possono invece sviluppare una vera e propria tendenza depressiva. Questa sintomatologia, ormai piuttosto diffusa come fenomeno sociale, si chiama Holiday Depression, ed è caratterizzata da proprie cause e necessita trattamenti risolutivi.

Cause: le statistiche hanno dimostrato un’alta percentuale di donne affette, immotivatamente, da questo tipo di depressione indotta. Le donne, risultate inclini all’HD, sono risultate essere quelle senza alcuna pianificazione di attività, rifiuto degli eventi socializzanti e attività tipiche delle festività (es: Natale, decorare e comprare regali).

Allo stesso modo, sono risultate inclini alla “Depressione da Festa” le donne prive di contatti sociali e familiari, e coloro con grandi aspettative per i festeggiamenti. Il sommarsi di questi fattori creano stress, ansia e frustrazione.

Rimedi: uno dei primi suggerimenti è quello di andare alla base del problema per cercare di risolverlo.

Ad esempio, tutte coloro che soffrono di solitudine durante il Natale, festa di riunione per antonomasia, è importante che non passino questi giorni da sole. Organizzatevi in modo da svolgere attività di volontariato (nelle mense, chiese o in altri servizi sociali); esistono diversi programmi attivati per questo periodo in aiuto di chi ne ha bisogno.

Inoltre, il volontariato è un’opportunità di creare nuovi rapporti sociali. Alternativamente, scegliete di frequentare dei gruppi di supporto che trattino l’argomento, dove potrete parlare delle vostre sensazioni senza sentirvi uniche nella vostra condizione.

È importante rendere la vostra casa accogliente, un posto nel quale avete sempre piacere a ritornare: addobbate l’albero, mettete candele, luci, profumi e CD musicali.

Non escludere la possibilità di andare a concerti o eventi a tema. Dedicate parte del vostro tempo per mandare cartoline ad amici e parenti. Curate voi stesse, dedicatevi ad attività sportive o culinarie (a Natale potrete sbizzarrirvi con i dolci e il menù), oppure leggete dei bei libri.

Se possibile, organizzate una vacanza durante il periodo Natalizio. Se rimante, decidete in anticipo a quali attività volete partecipare, quali ospiti volete invitare, e se volete visitare parenti o famiglia. Datevi dei limiti: in questo modo vi sentirete più padrone della vostra vita e questo vi aiuterà a farvi sentire meglio.

E infine, come suggerisce un esperto di solitudine USA, “fino a prova contraria, siete voi a decidere come andranno le cose”. Ovvero: passate buone feste e abbiate cura di voi…