Ieri, durante la seconda giornata di sfilate della Milano Moda Donna, insieme ai numerosi stilisti che hanno proposto le loro creazioni per la prossima stagione primavera-estate 2012, ha sfilato anche il marchio dei famosi Domenico Dolce e Stefano Gabbana, creato per proporre ai giovani una moda a prezzi più accessibili.

Galleria di immagini: D&G sfilata milano moda donna

D&G in questo modo dà l’ultimo saluto alle passerelle, visto che dalla prossima stagione invernale il brand sarà accorpato con il fratello più grande, Dolce & Gabbana. In effetti, era diventato complicato tracciare una linea che differenziasse un marchio dall’altro, pur conoscendo lo stile caratteristico degli stilisti. Per dare l’addio alle kermesse di moda quest’ultima linea è stata pensata come un’esplosione di colori, stampe, e fantasie che ricordano tutto meno che la tristezza. Nemmeno il colore nero viene portato in passerella; tutto è rigorosamente colorato.

I foulard di seta diventano i protagonisti assoluti, e si combinano in cento e più modi differenti sul corpo delle modelle, provocando un effetto davvero sexy ma soprattutto vivo. Le stampe riportano farfalle, fiori, fantasie barocche, intrecci e miscugli di colori; tutti in tono con la leggerezza e la spensieratezza della sfilata di commiato.

Dolce e Gabbana infatti non sono apparsi commossi o tristi di calare il sipario sul loro brand ma, anzi, hanno spiegato con tutta tranquillità che si tratta di un passaggio necessario, che le cose cambiano e le griffe si adattano ai tempi. Inoltre sarebbero in vista anche altri progetti in cantiere; infatti i due stilisti hanno così commentato:

«Siamo molto felici del momento che stiamo vivendo. Dalle prossime stagioni il marchio D&G uscirà insieme a Dolce & Gabbana e darà ancora più energia alle nostre collezioni. Per noi è come tornare a quando abbiamo iniziato questo lavoro, pieni di idee. Abbiamo tanti nuovi progetti da realizzare, così come vent’anni fa quando è nato D&G. Questa è la nostra nuova realtà. Felicissimi di tutto ciò…»

Fonte: Ansa