Dalla California arriva oggi una novità che potrebbe agevolare la vita di molti diabetici: l’insulina da inalare.

Il prodotto proposto dalla azienda americana MannKind Corporation è stato presentato oggi a San Francisco durante il meeting dell’American Chemical Society. E adesso è in attesa di approvazione da parte della Food and Drugs Administration, l’ente per il controllo sui farmaci. Il farmaco, se approvato, permetterà di dire addio all’iniezione d’insulina, delle volte scomoda e imbarazzante.

Come spiegano i ricercatori, la novità sta nella tecnica chiamata technosphere: particelle che si formano a partire da una piccola molecola. In pratica, il farmaco una volta essiccato e polverizzato, viene inserito in queste particelle ed è pronto per essere inalato. Basterà poi utilizzare un semplice inalatore spray, come quelli usati per chi soffre di asma, e il gioco è fatto.

L’insulina verrà assimilata attraverso le vie respiratorie e non più dall’apparato digerente, questo renderà l’assorbimento più veloce e, in alcuni casi, più vantaggioso rispetto all’iniezione. Inoltre c’è da precisare che la nuova tecnica, almeno per il momento, è indicata solo per la dose da assumere prima dei pasti, mentre per quanto riguarda il resto della giornata si consiglia la tradizionale iniezione.