Sacrifici, rinunce, conteggio scrupoloso delle calorie e poi si finisce col mandare all’aria la dieta per un semplice, quanto insidioso sgarro. Perché se iniziare una dieta risulta quasi per tutte abbastanza semplice, la vera sfida è portarla avanti con costanza, senza cedere e possibilmente senza commettere passi falsi. Come fare?

Certo molto dipende dalla buona volontà e dalla reale motivazione personale, ma esistono anche dei semplici trucchetti che possono rendere le cose più facili e soprattutto possono aiutare a tenere a bada eventuali “attentati” alla linea e… alla dieta.

Un esempio? Vietatissimo saltare i pasti, non solo perché si rischia di mettere sotto-sopra il metabolismo, ma anche perché ci si può ritrovare molto più affamate e dunque più esposte alle tentazioni.

Ecco allora 7 consigli d’oro per non sgarrare quando si è a dieta.

  1. Menu equilibrato senza tagli drastici. La prima regola per evitare gli sgarri è scegliere la dieta giusta, adatta cioè alle reali esigenze personali. Un menu equilibrato e personalizzato, servirà a garantire il giusto apporto di calorie giornaliere e quindi a evitare il rischio di ritrovarsi a metà  giornata in preda ai morsi della fame.
  2. Non saltare i pasti. Lo abbiamo detto e lo ripetiamo: saltare un pasto e digiunare non è una scorciatoia per dimagrire più in fretta ma il modo più semplice per mandare all’aria la dieta. Non solo per i danni al metabolismo ma anche perché si rischia di arrivare a sera affamate e quindi di sgarrare senza nemmeno rendersene conto.
  3. Aperitivi e cene fuori? Sì, se sai cosa mangiare. Le occasioni migliori per sgarrare quando si è a dieta  arrivano dagli aperitivi e, in generale, dai pasti fuori casa. Rinunciare a uscire, però, non è l’unica soluzione: l’importante è stabilire un piano B e sapere su quali cibi si può puntare. Un succo di pomodoro al posto di un prosecco, per esempio, può essere l’alternativa giusta per non rinunciare all’happy hour ma allo stesso tempo per non mettere a repentaglio la dieta.
  4. Passatempi anti-noia. Un altro consiglio utile per affrontare la dieta in modo efficace e senza cedere è quello di cercare di tenersi impegnate, trovando un passatempo che ci appassioni. La noia, infatti, è la migliore alleata della fame nervosa e proprio per questo trovare una distrazione può rappresentare un asso nella manica.
  5. Bilancia sì, ma non tutti i giorni. Attenzione anche alla bilancia: pesarsi tutti i giorni e in modo ossessivo può scoraggiare e indurre ad abbandonare la dieta. Nell’arco di una giornata, infatti, il peso può oscillare sensibilmente per motivi che esulano dal cibo (gonfiore, ritenzione, ecc); non solo, in genere non vedere risultati immediati induce a sgarrare più facilmente e ad abbandonare la dieta.
  6. Darsi un obiettivo concreto. Tenere a mente l’obiettivo che si vuole raggiungere con la dieta – come ad esempio rientrare nei vecchi, adorati jeans – può essere un ottimo modo per evitare di cadere in tentazione. Naturalmente, deve trattarsi di un obiettivo realizzabile e concreto, altrimenti il rischio di ritrovarsi nervose e frustrate sarà dietro l’angolo.
  7. Una volta alla settimana… sgarrare! Infine, per non sgarrare è utile stabilire un giorno della settimana in cui ci si concede di farlo, senza esagerare. Regalarsi un hamburger il sabato, un piccolo dolce per coccolarsi, o un sano sushi con un buon bicchiere di vino può rappresentare una gratificazione che aiuta a gestire meglio le rinunce durante la settimana.

Leggi anche La dieta nordica | La dieta del supermetabolismo.