La dieta alimentare: incubo perenne degli amanti del buon cibo, ossessione di adolescenti e vip, soluzione ai problemi di salute dei meno giovani. La dieta è tutte queste cose, e anche di più. Ognuno la personalizza e la interpreta secondo esigenze e obiettivi, andando al di là di ciò che è sano o dannoso. Ogni dieta ha il suo scopo ben preciso, c’è quella per eliminare il gonfiore e i liquidi in eccesso, quella vegetariana, a base di sola insalata o pasta, pane e pizza.

Ce n’è davvero per tutti i gusti dimenticando, forse, il senso vero della parola stessa. Quando si parla di dieta alimentare, infatti, si dovrebbe intendere niente di più che quel regime alimentare quotidiano che consente a ogni individuo di avere una forma fisica sana e uno stile di vita equilibrato. Ogni dieta moderna ha le sue peculiarità, come dicevamo, ma sono tutte accomunate dagli stessi imprenscindibili fattori. Quando si parla di dieta, per esempio, vi si associa sempre la tradizionale raccomandazione a non trascurare l’attività fisica, indispensabile per concretizzare il dimagrimento ottenuto dal programma alimentare.

Tuttavia, sono molti di più i consigli che servirebbero per seguire quella dieta alimentare che non fa male proprio a nessuno, che possono e devono seguire i bambini, i giovani e gli adulti di tutte le età semplicemente perché fornisce a ognuno il fabbisogno calorico giornaliero senza esporlo a rischi per la salute. Dopo aver consultato un medico o un nutrizionista per conoscere nei dettagli la quantità di calorie che l’organismo richiede ogni giorno, basterà seguire una dieta alimentare equilibrata e soprattutto completa.

Ciò non significa privarsi vita natural durante di alcuni cibi troppo calorici o di bevande alcoliche o gassate, ma semplicemente seguire uno stile alimentare quotidiano e un programma di allenamento banale ma costante che consenta di concedersi anche qualche strappo alla regola. Vediamo, dunque, quali sono i punti cardine di una qualsiasi dieta alimentare equilibrata e non troppo ferrea. Si parlerà sempre di limitazioni e mai di divieti, proprio perché è naturale e inevitabile che si presenti per tutti l’occasione di trasgressione.

Meglio limitare, dunque, il consumo di bibite gassate e alcolici a un quarto di vino, mezzo litro di birra o un paio di bicchierini al giorno. Lo stesso vale per gli insaccati, carni rosse grasse, formaggi grassi o molto stagionati. Soprattutto a cena, bisognerebbe limitare o evitare il consumo di dolci, bevande zuccherate e pane bianco. Lo yogurt deve essere magro, il latte scremato o parzialmente scremato.

Non rinunciate al pesce magro, almeno 3 volte a settimana, e alle verdure di ogni genere crude, cucinate al vapore o ai ferri. Preferite la carne bianca, ovviamente, e i cereali integrali che consentono all’organismo di bruciare più calorie. Vale sempre la regola fondamentale di bere almeno 2 litri di acqua naturale al giorno, meglio se lontano dai pasti, e quella di non saltare la colazione e gli spuntini di metà mattina e metà pomeriggio. Preferite sempre uno yogurt, la frutta o delle barrette dietetiche per la merenda. Cuocete maggiormente a vapore, ai ferri o nella pentola a pressione, limitando il consumo di cibi fritti e grigliati. Limitate il consumo di condimenti grassi come l’olio di oliva e del sale, ma insaporite i cibi con le spezie e gli aromi.

A questo genere di alimentazione va associata, come dicevamo, una costante attività fisica di almeno 40 minuti 3 volte alla settimana. In questo modo si accelera il metabolismo e si dimagrisce in modo sano. Per i più pigri, basterà adottare qualche accorgimento in più: scegliete le scale al posto dell’ascensore, camminate di più a piedi e svolgete le faccende domestiche muovendovi molto e velocemente.

Fonte: MyPersonalTrainer.