Per combattere l’invecchiamento a tavola si ha a disposizione una dieta antirughe, stilata da Coldiretti durante la Biodomenica 2011 e grazie alla quale è possibile avvalersi di uno scudo contro gli anni che passano e le sue manifestazioni, in primis le rughe.

Cosa bisogna dunque mangiare nella dieta antirughe? Innanzitutto è bene fare una piccola premessa: tutto inizia dai radicali liberi, che attaccano il corpo umano e che favoriscono il danneggiamento e la degenerazione anche della pelle. Sono favoriti da diversi elementi ma ostacolati al contempo da alcuni cibi: bisogna utilizzare pertanto la misura ORAC (Oxigen Radical Absorbance Capacity) come metro.

Tra i cibi amici della dieta antirughe, troviamo innanzitutto i carciofi, che vantano ben 9.828 unità ORAC. Si segnala poi il succo d’uva, prezioso in un'{#alimentazione} sana e benefica per la pelle poiché un solo bicchiere contiene 5.216 unità ORAC.

Seguono i mirtilli (3.480 unità ORAC), le pere (3000 unità ORAC) le melanzane (2.463 ORAC), peperoni rossi (2.463 ORAC), spinaci cotti (una porzione vale (2.042 ORAC), cipolle rosse (1.900 ORAC), prezzemolo fresco (1.473 ORAC) e, infine, il kiwi, frutto esotico tanto amato che vale 1.220 unità ORAC.

Per una dieta antirughe efficace bisognerebbe assumere circa 2000 ORAC al giorno, come ha spiegato Coldiretti, che per l’occasione ha presentato anche diverse ricette antirughe che assicurano il giusto apporto delle unità ORAC giornaliere.

Ce n’è per tutti i gusti e si va dai primi piatti al dolce. Innanzitutto si può scegliere tra un primo di riso integrale e polpettine di ceci (24 mila unità ORAC) oppure pasta al sugo di carciofi e pomodoro, che contiene 23 mila unità ORAC. Come secondi piatti, è possibile mangiare delle scaloppine di maiale al sugo con cipolle rosse di Tropea (2.500 ORAC), oppure degli straccetti di pollo con verdure e aromi (2 mila ORAC).

Spazio per i contorni nella dieta antirughe con buonissimi e leggerissimi spinaci ripassati (4.500 ORAC), tartare di verdure preparata con peperone rosso, sedano bianco, cipolla, pane raffermo, zenzero, aceto balsamico e insalata (3 mila ORAC), oppure crema di pomodori con cipolla rossa e basilico (1.500 ORAC).

Infine, per gli amanti dei dessert, va benissimo una crostata con ricotta e prugne fresche, che assicura 8 mila unità ORAC.

Fonte: La Stampa.