I sensi di colpa degli stravizi che tutti ci concediamo durante le vacanze di Natale avranno sicuramente spinto molte di noi a mettersi a dieta, ma quante sono riuscite a rispettare il nuovo regime alimentare a un mese dalla fine delle feste? Di solito in poche riescono ad attenersi ai più rosei buoni propositi del nuovo anno, e spesso gli strappi alla regola si fanno sempre sempre più frequenti fino ad azzerare del tutto i risultati positivi a cui aspiravamo.

Certo che dopo due settimane in cui l’unica fonte di sostentamento erano petti di pollo ai ferri e insalatine scondite è difficile resistere al richiamo di una bella fetta di torta o di un piatto di patatine fritte, eppure ci sono molti modi per evitare di sabotarci da sole il ferreo regime alimentare che ci siamo necessariamente imposte di fronte all’impietosa sentenza della bilancia dopo capodanno.

Galleria di immagini: Dieta

Innanzitutto non bisogna pesarsi ogni giorno. Il peso infatti oscilla necessariamente da un giorno all’altro in base a cosa abbiamo mangiato, quanto abbiamo bevuto e così via, pertanto è bene pesarsi solo una volta a settimana. Un intervallo di sette giorni vi darà un responso affidabile circa i vostri progressi nella battaglia ai chili di troppo.

La frutta di certo è un elemento essenziale della dieta ma non dimenticate mai di associarla ad altri cibi ricchi di proteine. Infatti, lo zucchero presente nella frutta, il fruttosio, non aiuta lo stomaco a sentirsi pieno e, pertanto, mangiare una mela quando avete molta fame non vi aiuterà affatto. Accanto al famoso frutto da prendere a metà pomeriggio aggiungete un paio di biscotti per sentirvi più sazie.

Riducete al massimo i condimenti. Una semplice insalata a pranzo non aiuterà a perdere peso se ricoperta di salsa rosa e olio, arrivando anzi a raggiungere lo stesso apporto calorico di un piatto di pasta ma facendovi avvertire di nuovo i morsi della fame dopo pochi minuti. Lo stesso deve valere per caffè e cappuccini che, ovviamente, non vanno messi al bando, attenzione però a quanto zucchero ci mettete.

Arriviamo ora al lato positivo: i piccoli piaceri. Gli esperti addirittura consigliano qualche piccolo strappo alla regola per evitare che la dieta diventi un vero e proprio incubo, basta essere disciplinate anche in questo. Un rapporto 80-20 nella percentuale di cibo sano e “comfort food” è l’ideale per garantirvi degli ottimi risultati dopo tante sofferenze.