Tra i regimi alimentari lampo atti a far perdere peso, la dieta del limone è una delle più gettonate: questa, in particolare, è amata soprattutto dalle celebrità dello star system degli Stati Uniti – tra cui Beyoncé, Brad Pitt e Madonna – poiché permette di bruciare i chili di troppo rapidamente.

La dieta del limone è stata messa a punto negli anni ’70 dal naturopata americano Stanley Burroughs e consiste nel bere grandi quantità di acqua e limone spremuto fresco – o limonata –  affiancata a una dieta sana e bilanciata.

Ingrediente fondamentale della dieta è ovviamente il limone, agrume dalle molteplici proprietà benefiche, in particolare dotato di quella depurativa, che permette in un periodo massimo di un mese di disintossicarsi da tutte le tossine accumulate nel proprio corpo andando a ripulire il proprio organismo. Essendo particolarmente ricco di vitamina C, il succo di limone risulta essere particolarmente efficace anche per contrastare le influenze stagionali facendo alzare anche le difese immunitarie.

Già nei primi giorni della dieta si potranno osservare i primi benefici grazie all’effetto drenante e sgonfiante.

Dieta del limone: le caratteristiche

Esistono più di una tipologia di dieta del limone, che può durare più o meno giorni: il consiglio, se proprio la si vuole seguire, è di iniziare con la versione “soft”, che in genere dovrebbe durare circa tre giorni, per poi passare alle versioni più “strong” – ma anche maggiormente restrittive – che possono durare da una settimana a dieci giorni.

La dieta del limone viene categoricamente sconsigliata a chi soffre di diabete e tutti coloro che, in generale, non godono di una forma fisica ottima.

Chi, invece, vuole solamente liberarsi dei vari gonfiori e depurare velocemente il proprio organismo può fare anche la dieta del limone di 24 ore, che risulta perfetta soprattutto per smaltire qualche abbuffata di troppo. Essenziale, ovviamente, durante la dieta del limone bere acqua oltre alla bevanda a base dell’agrume, in modo da aumentare l’effetto drenante e depurativo.

Dieta del limone: un esempio di menu

Si pensa che un solo giorno della dieta del limone permetta di perdere almeno 500 grammi: questo ovviamente dipenderà da molti fattori come peso, stazza e statura. Il menu giocherà un ruolo fondamentale: ecco un esempio che può essere seguito lungo il periodo della dieta.

  • Mattina presto: bere un bicchiere di acqua e limone;
  • Colazione: macedonia di frutti, una manciata di mandorle e succo di limone;
  • Spuntino: un frutto a piacere, una manciata di semi di zucca e un bicchiere di acqua e limone;
  • Pranzo: insalata di fagioli con lenticchie condite con un filo di olio extravergine d’oliva e del succo di limone;
  • Merenda: una manciata di frutta secca a piacere ma non salata, verdure crude come sedano e un bicchiere di limonata;
  • Cena: pesce alla griglia condito con del succo di limone e per contorno delle verdure a piacere lessate;
  • Prima di andare a dormire: almeno due ore prima di coricarsi bere un bicchiere di acqua e limone.

Dieta del limone: le controindicazioni

Come per ogni dieta lampo o sbilanciata che si rispetti, ci sono delle controindicazioni: nel caso della dieta del limone, elevate quantità dell’agrume possono andare a destabilizzare il benessere intestinale, causando in alcuni casi stitichezza. Per questo motivo è controindicata per coloro che ne soffrono già in maniera quotidiana. Poiché si tratta di una dieta abbastanza drastica e poco bilanciata, possono essere accusati sintomi come vertigini, poca concentrazione e stanchezza: chi soffre in particolare di pressione bassa, potrebbe non trovare nella dieta del limone il regime alimentare più adatto.

Per questi motivi, prima di lanciarsi a capofitto in una nuova dieta è sempre consigliato consultare il parere di una figura esperta – come un nutrizionista o un dietologo – che saprà sicuramente trovare la giusta dieta che permetterà di smaltire i chili di troppo e vivere in salute.

Fotostoria: 10 falsi miti da sfatare sugli alimenti