La dieta dimagrante Dukan è una delle diete più popolari a livello mondiale ed è utilizzata da milioni di persone, anche da personaggi famosi come ad esempio Kate Middleton. Si tratta di un regime alimentare iperproteico sul quale hanno puntato il dito in moltissimi per via dei rischi per la salute che potrebbe arrecare; tra tanti dubbi e incertezze sulla sua effettiva funzionalità, il dottor Pierre Dukan, che ha inventato tale dieta dimagrante, è intervenuto per spiegare come funziona.

Oltre alla principessa inglese, la dieta dimagrante Dukan ha fatto dimagrire circa 13 milioni di persone in tutto il mondo nel giro di una decina di anni. L’alimentazione che viene proposta consente di perdere 10 chili in 100 giorni, ovvero uno ogni dieci giorni, ma non è adatta a quelle persone che devono dimagrire poco. Secondo quanto ha infatti spiegato lo stesso Dukan, tale dieta dimagrante è nata per combattere l’obesità e il forte sovrappeso.

Si parte dall’inizio. Com’è nata la dieta Dukan? Lo ha spiegato il medico nutrizionista francese:

«Erano gli anni ’70, fu un mio paziente di 150 chili a chiedermi di aiutarlo a dimagrire. “Però mi lasci la carne”, si raccomandò. “Bene, allora, vada a casa e mangi carne per 5 giorni”, gli dissi. Quando ritornò aveva perso 5 chili. Un vero choc, che ha orientato la mia vita. Lasciai la neurologia e seguii tre anni di specialità in nutrizione. Il mio metodo, che permette di perdere 10 chili in 100 giorni, uno ogni 10 giorni, parte dall’assunto che la dieta basata sul conteggio delle calorie non funziona: la gente grassa ha con il cibo un rapporto affettivo, lo usa come una stampella. Per 30 anni ho messo a punto un regime basato sulla psicologia di queste persone».

La dieta dimagrante Dukan è strutturata in quattro fasi: una di attacco, in cui per tre o quattro giorni si devono consumare solamente proteine – ovvero carni magre, pollo, pesci, uova, prosciutto e latticini magri – a volontà; una seconda fase a cui si aggiungono le verdure, una terza fase di consolidamento e una quarta di stabilizzazione, ovvero in cui bisogna rieducare il corpo a un’alimentazione concepita per combattere l’effetto yo-yo.

Mantenere il peso ideale è infatti sempre la cosa più difficile e forse più impegnativa per chi è dimagrito di molto. Spiega Dukan stesso cosa bisogna fare per riuscirci:

«Il giovedì, regime solo proteico, 20 minuti di camminata e scale a piedi ogni giorno e tre cucchiai di crusca d’avena. La pasta resta limitata a 2 piatti alla settimana».

Il segreto della dieta dimagrante da lui proposta è quello di bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno, ridurre drasticamente vino e olio, abolire i carboidrati e seguire un’alimentazione basata sulle proteine. Le critiche, però, sui probabili rischi della dieta dimagrante Dukan sono arrivate da più parti, ma a parere del nutrizionista francese non sarebbero fondate:

«È provato, la mia dieta serve a ridurre il colesterolo e l’ipertensione perché vieta i grassi, così come è utile nel controllo di diabete e anemia. L’unica controindicazione è per chi ha problemi di insufficienza renale. Il diavolo non sono le proteine: è noto che l’obesità riduce l’aspettativa di vita di circa 9 anni».

La dieta dimagrante Dukan è però stata definita dalla British Dietetic Association (ma non solo) una delle peggiori diete in assoluto, da evitare. La dieta funziona e riesce a far perdere peso, ma si sottolinea come l’obiettivo di una dieta dimagrante equilibrata debba essere necessariamente non solo quello di far dimagrire, ma di far dimagrire in sicurezza.

L’eccessivo consumo di proteine consigliato dalla dieta Dukan, oltre alla povertà di frutta e verdure assunte, è qualcosa da evitare soprattutto nel lungo termine. Una dieta dimagrante di tale tipo è pertanto da valutare e prima eventualmente di seguirla è necessario chiedere il parere di un esperto.