Dieta dimagrante e ufficio: come seguirla senza cedere ai pericoli che si nascondono sul posto di lavoro? Si perché secondo un sondaggio condotto da Medi-Weightloss Clinics su oltre 300 persone a dieta, il rischio più elevato arriva proprio dai colleghi. Sono loro infatti con i quali molto spesso si condivide il pasto durante la consueta pausa pranzo a deridere o attaccare per ciò che si mangia e questo può costituire un deterrente tale da far desistere dai buoni propositi di portare a termine il regime alimentare dietetico.

Ci sono infatti colleghi, come spiegano i risultati di questo sondaggio, che non si rendono conto che seguire una dieta dimagrante è un’impresa piena di sacrifici e che con poche battute o magari offrendo qualcosa di ghiotto rischiano di vanificare tutti i risultati raggiunti. Le motivazioni di questi comportamenti possono essere svariate: dalla semplice superficialità fino all’invidia di vedere qualcuno più in forma di loro. Ma spesso si tratta solo di semplice cortesia, in fondo offrire un pezzo di torta non è un reato e spetta a chi sta seguendo la dieta trovare la forza per resistere e rifiutare.

Numerosi studi hanno dimostrato che per seguire una dieta dimagrante la comprensione e l’aiuto di chi ci circonda è fondamentale. Sentirsi incoraggiate e comprese aiuta a sostenere meglio i sacrifici e le rinunce senza sentirsi “diverse” e l’approvazione dei colleghi così come un complimento per i risultati raggiunti possono far perdere peso in maniera più semplice dando la giusta motivazione ed energia per proseguire. Così come invece la derisione o le critiche da parte di chi ci è vicino possono minare la forza di volontà e la determinazione a portare avanti un regime alimentare restrittivo.

Come fare allora per evitare che la pausa pranzo al lavoro diventi un momento di stress e di tentazione? Prima di tutto si sa che non è possibile scegliere i colleghi, però si può cercare di tenere lontani quelli che percepiamo come negativi e magari preferire mangiare accanto a chi ha la sensibilità di comprendere gli sforzi che si stanno compiendo. Se poi arrivano battutine rispondete sempre con un bel sorriso mantenendo la calma e pensando che presto potrete infilarvi di nuovo quel paio di jeans che vi piace tanto.

Per scongiurare il pericolo tentazioni avvisate prima i vostri colleghi chiedendo gentilmente di non offrirvi mai nulla, oppure simulate qualche allergia a determinati alimenti, un trucchetto che dovrebbe tenere lontani i “malintenzionati”. Ma prima di tutto ricordate che seguire una dieta è una scelta personale, ci vuole determinazione e forza di volontà e solo queste possono condurre alla meta finale.

Fonte: Melarossa.