La dieta dimagrante Mayr è senza ombra di dubbio tra le più interessanti e facili da seguire. La sua particolarità, nonché una delle caratteristiche più interessanti, è quella di contrastare i gonfiori e rendere la pancia piatta attraverso la stimolazione dell’apparato digerente.

Un altro punto di forza di questa dieta dimagrante è l’utilizzo di due alimenti molto semplici e sani come il pane e il latte, introdotti nel piano alimentare per la loro capacità di depurare l’organismo in profondità.

Un vero e proprio programma detox quindi che riprende i principi della cura ideata agli inizi del secolo scorso dal medico austriaco Franz Xaver Mayr, meglio conosciuta come “cura Mayr”. I protagonisti assoluti di questa dieta dimagrante sono il pane e il latte, utilizzati all’interno di mini-pasti due volte alla settimana. Questi due alimenti aiutano a perdere peso, a combattere i gonfiori e il senso di pesantezza, stimolando la regolarità e la buona funzionalità dell’apparato digerente.

I punti cardine della dieta dimagrante Mayr sono la pulizia dell’intestino attraverso il digiuno mirato e il consumo soltanto di alcuni {#alimenti}. Viene posta particolare cura al riposo dell’apparto digerente per favorire il processo di rigenerazione cellulare, e alla masticazione del cibo che deve essere lenta per consentire il senso di sazietà e la migliore assimilazione degli alimenti. La cura Mayr originale è molto più stringente di quella proposta in questa sede, che si limita soltanto a due giorni alla settimana, meglio se durante il week end.

La versione semplice della dieta dimagrante Mayr permette di perdere circa 4 chili in un mese e consente di smaltire scorie e tossine che appesantiscono l’organismo. Potrebbe destare qualche perplessità la povertà di fibre previste nella dieta, eppure è proprio questa la caratteristica che la rende adatta anche a chi soffre di disturbi come la sindrome del colon irritabile.

La cura a base di pane e latte va seguita soltanto durante il week end per almeno un mese intero (quindi, in totale 4 appuntamenti). Colazione e pranzo prevedono il consumo di pane e latte in quantità, la cena invece viene sostituita da un digiuno liquido per mettere in totale riposo l’apparato digerente. Durante tutti i pasti è fondamentale masticare molto lentamente.

Il pane deve essere masticato molto lentamente ed essere inumidito con una buona quantità di latte. La durata dei pasti deve essere di circa mezzora; in questo modo si aiuta l’apparato digerente ad assimilare senza difficoltà. L’abitudine di mangiare lentamente e di masticare bene i cibi dovrebbe comunque essere sempre rispettata, anche quando non si segue questo programma dimagrante.

Sia al sabato che alla domenica sono previsti gli stessi alimenti. La colazione prevede 80 grammi di pane e 250 ml di latte parzialmente scremato. Il pane può essere sostituito con otto-nove fette biscottate e il latte vaccino con 250 grammi di latte di soia o con 2 vasetti da 125 ml di yogurt. Nel pranzo si ripetono gli stessi alimenti assunti a colazione. Durante la cena non è prevista l’assunzione di nessun alimento solido, ma soltanto di una tisana al tiglio o di una camomilla, dolcificate con un cucchiaino di miele.

Fonte: Silhouette donna.