A parole, una dieta dimagrante la può seguire chiunque, purché sia armato di buona volontà. Ma provarci non significa automaticamente riuscirci e non è detto che i chili di troppo sui fianchi e sulla pancia scompaiano nonostante gli sforzi.

Che fare, allora? La prima cosa che dovrebbe venire in mente è che la dieta dimagrante non va bene oppure non si è seguita con il giusto metodo, lasciandosi scappare degli eccessi che hanno impedito di bruciare le giuste calorie. È probabile quindi che a monte ci siano degli errori che possono essere alla base di tutto.

=> Scopri quanto conta il morale nella dieta dimagrante

Come prima cosa, è possibile che quando ci si è iscritti a un programma di dieta online si siano comunicati dei dati sbagliati con la conseguenza che il programma di dimagrimento sia stato tarato su parametri errati. Ne deriva che l’apporto calorico consigliato potrebbe essere superiore a quello realmente necessario.

Secondo: magari non si pratica abbastanza sport. Per dimagrire non serve necessariamente sudare in palestra per due ore al giorno: spesso basta mezzora di passeggiata dopo l’ufficio per bruciare i grassi in eccesso a vantaggio del girovita. Però andare a fare la spesa al supermercato dietro casa non è considerato sport, anche se la fatica a fine giornata di sente. Un terzo motivo potrebbe essere l’acqua: non se ne beve abbastanza. I dietologi, infatti, suggeriscono da 1,5 a 2 litri di acqua al giorno per aiutare il drenaggio dei liquidi. Pertanto: comprare una riserva di acqua – preferibilmente oligominerale – come se si partisse per il deserto.

=> Scopri la dieta dimagrante per perdere dai 3 ai 7 chili

Un’altra possibilità? Si eccede (e si cede) nelle tentazioni alimentari e si sgarra da una dieta ferrea imposta dal medico. Oppure è possibile che si facciano troppi spuntini a metà mattina, a metà pomeriggio o anche prima di andare a letto, sballando pertanto la quantità di calorie immesse nel corpo.

È anche possibile che si stia vivendo un momento particolarmente stressante della propria vita, come la perdita del lavoro o la fine di una relazione affettiva. L’arrivo della menopausa potrebbe essere un’altra causa che impedisce di dimagrire. Potrebbe essere anche a causa del metabolismo che con il passare degli anni diventa più lento. Il rimedio? A qualunque età, velocizzare il metabolismo e fare movimento, camminare e fare sport in maniera moderata ma costante.

=> Scopri come le diete dimagranti “fai da te” siano un fallimento

Quando si fa una dieta, però, sarebbe bene convincersi della sua utilità: il mancato convincimento porta a sgarri nella dieta, con tanti saluti al dimagrimento e alla fine degli inestetismi della cellulite. Ci sono poi donne che pretendono di vedere risultati sulla bilancia nel giro di qualche giorno, dimenticando che una dieta richiede pazienza, costanza e forza d’animo.

C’è infine un ultimo motivo per cui la dieta potrebbe non fare effetto: il corpo ha raggiunto il peso forma. E non è detto che tale peso forma sia quello che ci si era prefissati. In tal caso, la dieta dovrebbe essere solo di “mantenimento”, a tutto vantaggio della possibilità di fare piccoli “sgarri” sull’alimentazione con positive ripercussioni sull’umore.