Seguire una dieta dimagrante non sempre significa perdere davvero peso. Nel caso di un metabolismo lento è infatti piuttosto difficile riuscirci ma si può provare ad adottare uno stile alimentare che possa stimolare il corpo a usare i grassi di riserva come fonte di energia e quindi a bruciarli: ed è proprio qui che entra in gioco la dieta metabolica, una dieta pensata appositamente per accelerare il metabolismo e far sì che si dimagrisca più velocemente.

Origini della dieta metabolica

Chi si sta chiedendo cosa sia la dieta metabolica dovrebbe sapere che è stata ideata dal dottor Mauro Di Pasquale, il quale sostiene che le persone fanno fatica a dimagrire e in generale a mantenere il peso forma a causa di un metabolismo lento. Ha subito ottenuto successo perché propone un programma alimentare mirato a ridurre l’assunzione di quei tipi di alimenti che non aiutano il metabolismo e a preferire invece quei cibi che lo velocizzano.

Come funziona la dieta metabolica

Il funzionamento della dieta metabolica non è difficile da comprendere, anzi. Sostanzialmente propone un’alimentazione quasi totalmente priva di carboidrati e basata invece su proteine e grassi. Come anticipato prima, l’obiettivo è quello di obbligare il corpo a usare i grassi come fonte di energia da bruciare invece dei carboidrati.

Regole e indicazioni sulla dieta metabolica

Per seguire al meglio la dieta metabolica per accelerare il metabolismo bisogna seguire rigidamente alcune regole.

  • Fare 4 o 5 pasti al giorno
  • Non saltare mai la prima colazione, che è obbligatoria
  • Scegliere gli alimenti in base all’indice glicemico (vedremo tra poco come)
  • Fare un po’ di sport almeno 4 o 5 volte a settimana. Basta anche una camminata veloce di 40 minuti.

Il menu ideale della dieta metabolica prevede dunque tanta frutta e verdura, soprattutto tra un pasto e l’altro per spezzare la fame, cibi proteici ovvero carne (meglio se bianca), pesce e uova (ma senza esagerare). Seguendola si dovrebbero invece evitare zuccheri, grassi, bevande alcoliche, bibite dolcificate e alcune verdure come ad esempio carote, broccoli, cavoli, ravanelli e verze.

Come si fa però a sentirsi energici senza carboidrati? Non si può, ma secondo questa dieta si devono ridurre drasticamente. Quindi se a colazione avremo mangiato delle fette biscottate, dovremo evitare la pasta a pranzo e il pane a cena.

Chi l’ha ideata consiglia di bere molta acqua e di mangiare a orari regolari, cercando soprattutto di anticipare l’orario della cena. Mai dopo le 21.

Fotostoria: Alimenti che accelerano il metabolismo

Esempio di menu di dieta metabolica

Ecco un esempio di menu della dieta metabolica.

  • A colazione si può scegliere tra 2 fette biscottate e 1 yogurt, oppure 1 succo di pompelmo, 1 frutto e un caffè o un tè (senza zucchero). In alternativa 1 tazza di latte scremato e 2 biscotti secchi.
  • Come spuntino di metà mattinata, una spremuta di pompelmo.
  • A pranzo, pesce o carne grigliata e un’insalata, oppure 40 grammi di pasta o riso con verdure, o ancora un’insalata di legumi e verdure.
  • A merenda, una spremuta di arancia.
  • A cena pesce, 30 grammi di pane, insalata o verdure; in alternativa carne, insalata e un passato di verdure o ancora un piatto di minestrone e del prosciutto crudo.

Controindicazioni della dieta metabolica

Nonostante la dieta metabolica prometta di far perdere circa 5 kg al mese, presenta alcuni contro che non possiamo tralasciare.

A causa della mancanza di carboidrati, può provocare nausea e mal di testa, anche nel breve periodo. Inoltre l’eccessiva assunzione di grassi e proteine può causare problemi cardiovascolari, al fegato e ai reni. Se proprio si è decisi a seguirla, sarebbe meglio non farlo per troppe settimane.