La reazione al nichel sta diventando uno dei problemi più frequenti delle persone, giovani e meno giovani, tanto che oggi sono in tantissimi a esser costretti a cercare e seguire una dieta per allergia al nichel (o per intolleranza) che possa controllare l’infiammazione provocata dai cibi non consentiti. Approfondiamo dunque gli alimenti da evitare in quanto ricchi di nichel (o di sostanze analoghe) e scopriamo qual è lo stile alimentare da adottare in questi casi per vivere più serenamente senza fastidi.

Innanzitutto chi decidere di intraprendere una dieta per allergia al nichel dovrebbe evitare di utilizzare pentole in alluminio o smaltate, poiché rilasciano questa sostanza durante la cottura e quindi in questo caso si possono considerare dannose. A tal proposito, l’ideale è utilizzare metodi di cottura leggeri come ad esempio la cucina al vapore, alla griglia e al cartoccio (con carta da forno), che peraltro aiutano in generale a cucinare in maniera non solo sana ma anche dietetica.

L’allergia o l’intolleranza al nichel impone la rinuncia al pomodoro come indicato dalla SIAIP (società italiana di allergologia e immunologia pediatrica), alimento che contiene grosse quantità di questa sostanza: è dura rinunciarvi soprattutto per noi italiani in quanto fa parte dell’alimentazione mediterranea ed è un prodotto molto amato, ma pazienza. Occorre sostituirlo con altre verdure, ma attenzione alla seguente lista.

Alimenti da evitare nella dieta per allergia al nichel

  • Rabarbaro, cipolle, spinaci, asparagi, pomodori
  • Farina d’avena, farina di mais, farina integrale
  • Noci, mandorle
  • Legumi freschi e secchi
  • Cacao e cioccolato
  • Semi di soia
  • Margarina
  • Bevande contenenti nickel (controllare l’etichetta)
  • Integratori contenenti nickel (controllare l’etichetta)
  • Pesci quali tonno, aringhe, salmone, sgombro
  • Crostacei
  • Pere
  • Lievito in polvere
  • Liquirizia
  • Cibo in scatola

Alimenti consentiti

Di seguito invece gli alimenti che è possibile mangiare liberamente durante la dieta per allergia al nichel, poiché consigliati in quanto poverissimi di nichel oppure proprio esenti:

  • carne magra
  • pollo
  • uova
  • pesci freschi tranne tonno, salmone, sgombro e aringa
  • formaggi freschi e stagionati come il grana
  • latte magro, ricotta, yogurt
  • verdure tranne quelle presenti nella lista dei cibi da evitare
  • patata (con moderazione)
  • olio extravergine di oliva
  • vino e birra ma con moderazione
  • frutta fresca escluse le pere
  • caffè con moderazione
  • marmellata con moderazione
  • pasta
  • riso bianco con moderazione (piccole quantità di nichel possono essere presenti)

Infine chi è allergico al nichel dovrebbe sapere che spesso una dieta appropriata non basta. Non bisogna trascurare infatti alcuni consigli comportamentali, esplicati qui di seguito:

  • non fumare
  • attenzione agli smalti e alle tinture fai da te, spesso contenenti nichel
  • meglio camminare per almeno 40 minuti al giorno, perché una vita sedentaria non aiuta in nessun caso
  • leggere le etichette dei prodotti cosmetici, perché spesso contengono nichel
  • evitare il contatto tra pelle e parti metalliche dei jeans e delle maglie, come bottoni e cerniere