La dieta, ormai è risaputo, è importante per mantenere il proprio corpo in forma. Con essa è ugualmente importante l’assunzione di alimenti ricchi di fibra. Quest’ultima aiuta l’organismo a eliminare le tossine che inquinano l’organismo e tutto quello che viene considerato spazzatura; inoltre, aiuta l’apparato digerente nel suo lavoro.

Ma oltre a queste prerogative, la fibra aiuta a combattere alcuni tipi di malattie e a mantenere nella norma alcuni valori. Innanzitutto, si può dire che gli scienziati concordano nell’affermare che in una dieta il giusto apporto di fibre aiuta a ridurre il rischio di cancro al colon. In particolare con la sua assunzione si può prevenire la crescita di batteri nocivi nel colon favorendo, invece, la crescita di quelli buoni.

Rimanendo nel tratto che interessa il colon, bisogna dire che le fibre danno una mano a regolarizzare l’intestino, favorendo l’equilibrio della flora intestinale e prevenendo la stipsi e tutto quello che è collegato a questo problema. Altro tipo di rischio, che può essere ridotto, è quello che riguarda il cancro al seno perché viene diminuita la circolazione di estrogeni, responsabili dell’insorgenza di questo tipo di malattia.

Altro aspetto importante legato all’assunzione di fibre è la riduzione del ph del tratto intestinale e aumenta anche la produzione di acidi grassi a catena corta. L’eliminazione del colesterolo e l’abbassamento della glicemia sono ulteriori benefici. Le malattie cardiache sono l’altro dramma della nostra era, e anche per la loro prevenzione è estremamente importante fare una dieta bilanciata con la giusta quantità di fibre.

L’assunzione giornaliera di circa 20,7 grammi di fibre aiuta a combattere le malattie cardiovascolari. Anche chi soffre di ipertensione o pressione alta deve tenere in seria considerazione l’immissione di fibre nel proprio organismo; ricerche hanno rilevato che grazie alle fibre si combatte la pressione alta e la si regolarizza.

Con un basso contenuto di fibre ne risente anche l’attività metabolica; di conseguenza, vi è l’insorgenza di problemi di obesità e diabete. Il consumo eccessivo, invece, rende difficile l’assorbimento di acido fitico, selenio e molti altri minerali. Spesso nelle diete si trovano alimenti che, a un primo sguardo, non sembrano portare particolari benefici al corpo, ma sono presenti proprio perché ricchi di fibre.

In questo senso, i cibi da assumere sono: frutta, verdura, ortaggi, legumi, cereali integrali, frutta secca e, dulcis in fundo, il cioccolato fondente. Se si hanno difficoltà nel raggiungere la giusta quantità giornaliera richiesta si può ricorrere a quegli alimenti che si trovano in commercio e che rientrano nella vasta gamma dei cibi integrali, come pane, pasta, fette biscottate, biscotti, cereali per la colazione e tanti altri.

Fonte: Magforwomen.