La dieta durante il periodo primaverile deve tenere conto del cambiamento a cui l’organismo va incontro e agli effetti che ne derivano, primo fra tutti il costante senso di stanchezza. Ci si sente più fiacche, prive di energia, si ha voglia di dormire anche se a volte si fa fatica a prendere sonno, i capelli si sfibrano e tendono a cadere di più, la pelle è opaca e ci si sente gonfie.

Per contrastare questi spiacevoli inconvenienti occorre attuare delle modifiche alla dieta che possano apportare quegli elementi nutritivi necessari a ristabilire l’equilibrio perduto. La causa di questi malesseri primaverili risiede nell’accumulo, avvenuto durante l’inverno, di tossine e radicali liberi, che possono essere eliminati grazie a un apporto maggiore di vitamine e minerali.

Per integrare questi preziosi elementi nell’alimentazione quotidiana basta prendere come punto di riferimento il colore verde. Tutto ciò che è contraddistinto da questo colore è infatti ricco di nutrienti come zinco, magnesio, potassio e ferro utili a riattivare il metabolismo “addormentato”. Frutta e verdura saranno da prediligere in particolare zucchine, asparagi, carciofi, piselli, fagiolini, spinaci, banane e prezzemolo.

Meglio consumare questi cibi crudi o cotti al vapore in modo che conservino le preziose sostanze in essi contenute. Un modo semplice e gustoso per assimilarli è sotto forma di succhi e centrifugati, oltretutto dissetanti e rinfrescanti in un periodo in cui comincia a farsi sentire il primo caldo. Ottimo anche il tè verde per le sue proprietà drenanti e disintossicanti.

Anche la frutta secca è ricca di minerali, soprattutto le mandorle e le noci. I semi di lino e di girasole contengono invece Omega3 e acidi grassi utili per contrastare i radicali liberi colpevoli dell’invecchiamento cellulare.

Per tirarsi su e sentirsi meno stanche sono ottime le sostanze contenute nella pappa reale, nei cereali integrali e nei legumi, ricchi di vitamina B, mentre il consumo di caffè andrebbe evitato in quanto la caffeina ha un effetto eccitante che può dare l’illusione di sentirsi più sveglie ma in realtà non apporta alcun elemento salutare. Meglio allora consumare un pezzetto di cioccolato fondente che apporta immediatamente zuccheri in grado di contrastare il calo di energia.

E dal momento che la parola chiave è depurarsi è buona abitudine iniziare la giornata bevendo un bicchiere di acqua a temperatura ambiente a digiuno con mezzo limone, utile per regolarizzare l’intestino e purificare la pelle. E continuare durante tutto il giorno a bere molta acqua ponendo attenzione che il residuo fisso non superi i 50mg/l.

Fonte: BlogLive.