Quante tra coloro che hanno provato a dimagrire, senza ricorrere all’aiuto da parte del dietologo, hanno dato retta ad alcuni luoghi comuni dell’alimentazione? Ad esempio si è sempre detto che più si beve, più si dimagrisce, o che è meglio mangiare poco e spesso piuttosto che abbondantemente e tre volte al giorno…

Un interessante articolo proposto dal Daily email va a sfatare molti di questi luoghi comuni, contestandoli uno per uno sulla base di alcuni recenti studi scientifici.

Per chiunque voglia dunque seguire una dieta sana ed equilibrata è consigliabile dare uno sguardo alle indicazioni qui di seguito riportate.

Cereali e barrette dietetiche non fanno dimagrire. Non solo nei supermercati ce le propongono ad un prezzo decisamente alto proprio per via delle proprietà “dimagranti” che queste avrebbero, ma addirittura non funzionano! A quanto pare, fanno ingrassare quanto le altre merendine: sono ricche di zuccheri, carboidrati e dolcificanti. È bene concedersi una piccola porzione di dolce piuttosto che una di queste, dunque.

Mangiare di notte non fa ingrassare. Certo, mangiare un pochino, non abbuffarsi! Da alcuni test scientifici è emerso che sulle scimmie il peso non cambia se assumono il 6% del cibo quotidiano di notte, in quanto l’organismo andrebbe a bruciare i grassi ugualmente durante il sonno.

Il corpo non ha bisogno di bere 8 bicchieri di acqua al giorno! Lo affermano alcuni medici dell’Università della Pennsylvania, aggiungendo che bere tanta acqua non migliora la pelle, non fa perdere peso e non aiuta l’organismo a disintossicarsi. Abbattuti dunque tre luoghi comuni in una volta sola.

La carne bianca non è più magra della rossa. Ad esempio, un etto di lombata magra ha solo cinque grammi di grassi, un etto di coscia di pollo arriva a 9 grammi.

Frutta e verdura non vanno sempre in frigorifero: anche se si conservano più a lungo, metterli in frigorifero uccide una buona parte della loro ricchezza nutritiva. Meglio, quando possibile, lasciarli fuori.

La margarina non fa male al cuore, o perlomeno quella che viene prodotta ora. La margarina attuale infatti si fa con dei grassi sani e monoinsaturi ed è più sana del burro.

I mirtilli non sono pieni di antiossidanti, ma sono ricchi di un solo antiossidante (che si trova anche nell’uva). A tal proposito è meglio preferire il cioccolato fondente che è l’alimento che ne contiene di più, andando a combattere dunque l’invecchiamento delle cellule.

Le uova non alzano il livello di colesterolo. Uno studio condotto dall’Università del Surrey ha evidenziato che mangiando addirittura due uova al giorno, il colesterolo non si alza.

Infine, si è sempre detto che è meglio mangiare poco e spesso. A quanto pare non è vero e non esiste alcuna differenza tra mangiare pochissimo sei volte al giorno e mangiare, invece, tre volte al giorno ma più abbondandemente.