Una dieta velocissima può essere utile quando è necessaria una perdita di chili rapida in vista di un evento particolare, come una cerimonia: in questi casi è possibile arrivare anche a 5 kg in una settimana, ma è importante sapere bene a cosa si va incontro.

Tutti i medici nutrizionisti e i dietologi, infatti, sconsigliano diete lampo e perdite di peso troppo repentine, in quanto non solo i chili persi così in fretta possono essere ripresi altrettanto velocemente (spesso non si tratta del resto di un vero dimagrimento, ma di una perdita di liquidi e di uno sgonfiamento), ma questi regimi alimentari non equilibrati né completi possono causare seri danni alla salute, dai cali glicemici alla pressione bassa. Senza contare che rallentano il metabolismo e danno vita a smagliature e perdita di tensione e compattezza della pelle per via del dimagrimento rapido.

L’ideale sarebbe, quindi, in base al proprio fisico, agli obiettivi e allo stile di vita, perdere circa 4 chili al mese, sempre rivolgendosi a un professionista per consigli e per una dieta personalizzata. Tuttavia, come abbiamo detto, potreste dover essere nella condizione di dover fare una dieta velocissima.

Ecco, allora, a puro scopo informativo consigli, cibi da preferire e alimenti da eliminare dal menu per perdere 5 kg in una settimana.

Dieta velocissima: i consigli

  • I cibi da evitare. Se si vuole dimagrire in una settimana, ahimè, non sono previsti sgarri, e tutti i cibi ad alto contenuto di calorie e grassi vanno eliminati. Per 7 giorni, quindi, dimenticate salumi e formaggi grassi, carne rossa, pesci grassi, pane e pasta di farine bianche, dolci di tutti i tipi, bevande gassate, alcol.
  • I cibi da preferire. In tavola portate proteine magre di carni bianche, pesce azzurro, formaggi magri, uova, legumi, e poi cereali integrali, frutta e verdura. Importante anche la cottura: preferite quella al vapore, o senza grassi e aggiungete un filo di olio a crudo alla fine o limone e spezie per condire.
  • Tanta acqua. Per eliminare chili e liquidi è importante bere molta acqua, almeno un litro e mezzo o due litri al giorno.
  • In movimento. Uno stile di vita sedentario non aiuta a perdere chili. Cercate di fare attività fisica tutti i giorni, basta anche solo una passeggiata di un’ora a passo svelto, che servirà anche per risvegliare il metabolismo.
  • I pasti. I pasti consigliati sono comunque 5: colazione, pranzo, cena e due spuntini, uno a metà mattina e uno a metà pomeriggio, perché servono per non arrivare troppo affamati al pasto successivo e per mantenere attivo il metabolismo.
  • Le quantità. Sulle quantità si gioca buona parte del dimagrimento. Queste devono essere naturalmente proporzionate al dispendio energetico (chi fa una vita sedentaria ha bisogno di meno calorie di chi va due ore in palestra ogni giorno), ma comunque un po’ ridotte rispetto al solito.

Dieta velocissima: menu d’esempio

Vediamo ora un menu tipo su cui costruire tutti i 7 giorni della dieta, variando il tipo di alimenti.

  • Colazione. Un caffè o un tè senza zucchero con 2 fette biscottate integrali con un velo di marmellata e un frutto oppure un caffè o un tè senza zucchero con uno yogurt senza zucchero e 40 grammi di cereali integrali.
  • Spuntino di metà mattina. Un frutto, un vasetto di yogurt senza zucchero o una manciata di frutta secca.
  • Pranzo. Pasta integrale o riso integrale (60 grammi) condita con verdure fresche e un’insalata, o zuppa di legumi con cereali integrali con verdure grigliate.
  • Spuntino di metà pomeriggio. Un frutto, un vasetto di yogurt senza zucchero o una manciata di frutta secca.
  • Cena. Petto di pollo ai ferri o pesce al vapore o un uovo sodo o formaggi magri con 200 grammi di verdure fresche e una fetta di pane integrale tostata.

Leggi anche Dieta personalizzata: come crearla | Dieta dimagrante: il menu ideale per la cena