Camminare è un metodo infallibile per dimagrire senza troppi sforzi e senza spendere denaro in palestra.

Camminare è l’ideale per chi non può praticare alcuno sport a causa di problemi di varia natura. Inoltre, permette di dimagrire e perdere massa grassa e di mettere in moto l’intero organismo: facendo movimento con le gambe, è possibile tonificare sia la parte superiore del corpo che quella inferiore, riattivare la circolazione e donare maggiore capacità ai propri polmoni.

Poiché il fisico si rimette in sesto a tutti i livelli, camminare permette di sgranchirsi dopo un’intera giornata passata seduti alla scrivania dell’ufficio. Mal di schiena e dolori articolari dovuti alla posizione statica davanti al computer spariscono se presi in tempo e se medicati con una sana camminata. Ultimo fattore non meno importante: camminare e muovere contemporaneamente tutto il corpo consentono di scaricare nervosismo e stress e, quindi, di migliorare l’umore che, dopo una giornata di responsabilità e lavoro, può facilmente essere a terra.

Appare chiaro, però, che non basta passeggiare come si farebbe in centro davanti alle vetrine dei negozi. Se si decide di perdere peso con una camminata, bisogna far sì che questa sia a tutti gli effetti attività fisica come ogni altro sport.

Pertanto, occorre tenere a mente alcune cose di grande importanza. In primo luogo, bisogna camminare mantenendo una velocità costante di almeno quattro chilometri all’ora: se ci si munisce di un contachilometri è molto semplice quantificare la propria velocità. In secondo luogo, bisogna camminare per un tempo minimo necessario: agli inizi, si può fare attività per mezz’ora. A mano a mano che ci si abitua alla nuova fatica si può aumentare il tempo, passando dapprima ai quarantacinque minuti e poi ai sessanta minuti. Talvolta, nutrizionisti e dietologi consigliano di muovere almeno diecimila passi al giorno: con un contapassi sarà possibile quantificare anche questo.

Perché la camminata sia efficace sul lungo periodo, occore svolgere attività almeno tre volte alla settimana. Si può camminare in casa, sul tapis roulant, o all’aperto. Le due diverse modalità hanno i loro pro e i loro contro. Utilizzare un tapis roulant permette di calcolare con estrema precisione i tempi e i chilometri percorsi. Inoltre, se lo strumento lo permette, è possibile inclinare il piano, simulando una corsa in salita – cosa che rafforza i muscoli in maniera più precisa. Tuttavia, in un interno non si può godere dell’aria aperta, fattore determinante che dona un influsso positivo all’umore.

Camminare all’aperto non permetterà di usufruire di strumenti precisi per calcolare tempi, chilometri e velocità, ma il contatto con la natura e il ricambio d’aria sono di gran lunga più salutari per il corpo.