Paese che vai usanza che trovi. Vale anche per i modi che ognuno ha elaborato per rimanere in forma, dall’uso del peperoncino in Thailandia, a quello dell’aceto in Ungheria, dallo stare molto a tavola in Francia, alle lunghe camminate in Norvegia. Ecco un giro del mondo in 16 paesi alla ricerca del modo più facile per dimagrire.

La cucina thailandese è nota soprattutto per il ricorso massiccio alle spezie piccanti, e il peperoncino è un grande alleato di chi vuole perdere peso: accelera il metabolismo e soprattutto rallenta in modo consistente la velocità con cui si ingerisce il cibo. E mangiare lentamente è una delle strategie più efficaci per perdere peso senza sacrifici. Fagioli e riso sono il piatto nazionale del Brasile, e non c’è nulla di più salutare per l’organismo. Ricchi di fibre e con poche calorie, un regime alimentare a base di questi elementi combinati è un toccasana per la linea.

Il trucco più semplice per i Paesi islamici è il digiuno. Non mangiare dall’alba al tramonto è un esercizio evidentemente efficace, sempre che col buio non ci si lasci andare ad abbuffate spropositate. Anche se saltare i pasti è considerato controproducente, perché si arriva al pasto successivo con una fame fuori controllo, digiunare è un modo per riacquistare consapevolezza di ciò che si mangia.

In Polonia si mangia molto poco fuori casa, pochi panini al bar e cene in ristoranti. E pasti fuori casa, o take-away, e obesità vanno di pari passo. Perciò il consiglio è cominciare a tracciare una tabella settimanale segnando tutte le volte che invece di cucinare si è mangiato fuori, e da lì cominciare a ridurli. In modo simile in Francia si prende molto tempo per cenare in famiglia, e tra le chiacchiere la forchetta corre di meno, e il cibo ingerito anche.

In Germania si fa colazione con grano e cereali, venendo incontro al consiglio di tutti i nutrizionisti di non saltare mai la colazione, e di mangiare a tavola con tutta calma. In questo modo si resiste più facilmente a ogni grassa tentazione a metà mattinata. Anche in Svizzera si fa largo uso del muesli, sia per colazione che per le cene leggere. E tutto quell’orzo, avena, frutta e noci è ricco di fibre e sazia molto a lungo.

Il segreto degli olandesi sono le biciclette. Più numerose delle auto, le bici sono il modo più facile e veloce per dimagrire, semplicemente usandola ogni giorno per andare a lavoro o per ogni commissione. In Russia la maggior parte delle persone ha una casa con orto incluso, dove coltiva frutta e verdura, che poi finiranno sulla propria tavola. Cibo nutriente e attività all’aria aperta in un perfetto mix. La curcuma è il segreto meglio custodito della Malesia. Una spezia, da cui deriva il curry, il cui componente principale brucia grassi e ne impedisce l’accumulo. In Ungheria invece l’aceto è il maestro di ogni piatto, dai cetrioli al cavolo ai peperoni, ed è un ottimo alleato per ogni dieta: riduce la pressione del sangue e soprattutto i livelli di zucchero e la formazione di grasso.

In Sudafrica si fa largo uso del tè rooibos, o tè rosso, una qualità di tè dolce che non ha bisogno di zucchero. Ma il tè in generale non va sottovalutato nelle diete. Da sostituire al cappuccino per la pausa di metà pomeriggio o mattina, o anche al posto di uno snack. In Norvegia la domenica tutta la famiglia esce per passeggiare o sciare, molto più efficace che guardare la tv.

Lo Yoga è certamente il modo in cui gli Indiani si mantengono in linea: non solo per flessibilità e meditazione, lo yoga aiuta a dimagrire accelerando il metabolismo e scolpendo i muscoli. Il Giappone opta invece per un semplice pisolino. La mancanza di sonno infatti aumenta il rischio di obesità, a causa di due ormoni che vengono rilasciati mentre si dorme. Fare un sonnellino toglie la fame più di un pasto. I messicani fanno un grande pranzo, il beneficio è avere la giornata per smaltire, al contrario della cena. Una strategia facile per mantenere il peso forma, ma tra le meno seguite.

Fonte: Health.