Per vincere le incertezze della bella attrice israeliana riguardo al fatto di diventare sua testimonial, Christian Dior ha realizzato una collezione di calzature utilizzando solo materiali ecologici. Un compromesso accettato per una giusta causa: fare di Natalie Portman il nuovo volto della Maison.

Pare, infatti, che l’attrice, vegana e animalista convinta, fosse piuttosto titubante sul prestare la propria immagine alla griffe francese, da sempre amante di pellami e pellicce. Malgrado la proposta fosse alquanto allettante, la giovane attrice avrebbe dovuto fare i conti con i propri principi etici che le impongono di non indossare nulla che comporti l’uccisione di un animale.

Così per lei Dior ha creato la sua prima linea di calzature prive di qualunque componente di origine animale. Un accordo che non può averla lasciata insoddisfatta e che, senza dubbio, ha premiato la sua tenacia.

Certo, la casa francese ha dimostrato così di sposare la filosofia animalista, ma solo della Portman. Infatti, almeno per il momento, la collezione di scarpe 100% ecologica è stata realizzata da Dior in esclusiva per la sua nuova testimonial.

Un successo, dunque, solo per l’attrice, non per le animaliste in genere, alle quali non rimane che sperare che il compromesso con la Portman sia sintomo di un’apertura più ampia verso la cultura ecologista.

Forse pensare che la maison possa abbandonare l’uso delle pelli è un’utopia, ma intanto un primo passo è stato fatto. E chissà che presto anche le animaliste meno famose non possano indossare calzature ecologiche firmate Dior?