Presentato alla 35esima edizione del Torino Film Festival, dove è stato accolto in modo positivo dalla critica, The Disaster Artist, il film di James Franco, arriva sugli schermi italiani da giovedì 22 febbraio distribuito da Warner Bros.

Ispirato alla storia vera della realizzazione di quello che è stato definito “il film più brutto di tutti i tempi”, è stato diretto, prodotto e interpretato da James Franco, che ha voluto accanto il fratello Dave come co-protagonista. Ecco trama, cast e recensione del film.

courtesy: press office

The Disaster Artist, il film di James Franco: trama

Greg è un giovane aspirante attore che frequenta una scuola di recitazione a San Francisco con risultati piuttosto scarsi: apparentemente è l’unico a non accorgersi della totale mancanza di talento che lo affligge. Frustrato e demotivato, stringe amicizia con il compagno di classe Tommy,  un personaggio singolare, inesorabilmente entusiasta, che cela, con sospetto e voluto mistero, età, origine geografica e provenienza delle proprie risorse economiche. Quando i due si trasferiscono a Los Angeles, pronti a tentare la scalata a Hollywood, si scontrano con mille rifiuti, spesso umilianti. Tommy decide allora di scrivere, dirigere e produrre The Room, il loro esordio, che, secondo i suoi piani, dovrebbe lanciarli nel dorato mondo dello Star System.

courtesy: press office

The Disaster Artist, il film di James Franco: cast

courtesy: press office

Accanto a Dave Franco nel ruolo di Greg Sestero e a James Franco in quello di Tommy Wiseau, ci sono Seth Rogen nel ruolo di Sandy Schklair, Alison Brie è Amber, Ari Graynor è Juliette Danielle, Josh Hutcherson è Philip Haldiman e la candidata all’Oscar Jacki Weaver nel ruolo di Carolyn Minnott. Tanti i camei di cui è costellata la pellicola, da Melanie Griffith a Zac Efron fino a Sharon Stone (che interpreta Iris Burton, l’agente di Greg morta nel 2008).

The Disaster Artist, il film di James Franco: recensione

Vincitore di un Golden Globe, a James Franco per la sua interpretazione, e candidato agli Oscar per la miglior sceneggiatura non originale (ma il 4 marzo dovrà vedersela con Chiamami col tuo nome), The Disaster Artist è una godibilissima commedia, divertente ma mai parodistica, sul sogno americano.

Ottima la prova di James Franco, che regala un ritratto di Wiseau complesso e sfaccettato, bizzarro e sopra le righe, ma allo stesso tempo solo e disperato. Sarebbero state molte le possibilità per lui di vincere un Oscar (malgrado la concorrenza di Gary Oldman per la sua interpretazione de L’ora più buia) se non fosse stato coinvolto in accuse di molestie sessuali da parte di diverse attrici in seguito al caso Weinstein.

Si ride spesso e molto al cospetto della tetragona mancanza di consapevolezza del suo personaggio, eppure l’inseguimento spasmodico – e borderline – del successo e della realizzazione delle proprie aspirazioni lascia una sensazione di leggerezza amarezza. Un film sui sogni – ma anche sul valore dell’amicizia e della lealtà, temi entrambi trattati con tocco lieve e disincantato – da non perdere.

courtesy: press office