Sembra il titolo di una nota canzone di Povia ma, invece, è tutto vero: Luca era gay, ma in “Distretto di Polizia 10” torna miracolosamente eterosessuale.

La vicenda ci viene segnalata con forza da Gay.tv che, oltre a descrivere in lungo e in largo il passaggio incomprensibile dall’omo all’eterosessualità del personaggio, ironizza sulla vicenda attraverso delle nuvolette sarcastiche inserite nelle immagini della serie televisiva.

Protagonista della controversa decisione della produzione è il commissario Luca Benvenuti che, in Distretto di Polizia 10, è interpretato dall’attore Simone Corrente.

Il suo personaggio, fin dall’inizio, aveva avuto dei contorni ben definiti e si era distinto per la sua semplicità, la sua onestà ma, soprattutto, per il suo essere gay in modo sereno. Che cosa succede, allora, nella decima stagione di Distretto?

Luca, che ne frattempo è diventato un autorevole commissario, si innamora di una donna, un suo vecchio amore adolescenziale. Comincia così a corteggiarla e a flirtare con lei come se, in tutti gli anni precedenti, la sua tendenza sessuale fosse stata sempre etero.

Il pubblico, ovviamente, è disorientato e per ben due motivi: ma Luca non era gay? E soprattutto: perché decidere proprio ora di farlo diventare etero? Che la figura di un commissario di polizia debba corrispondere a precisi canoni etici e religiosi?

Certo è che una decisione simile riflette la mentalità, forse, del nostro Paese e ci dice molto sulla direzione in cui sta andando.