È tutto pronto: questa sera 11 settembre debutta Distretto di Polizia 9, uno dei telefilm made in Italy più apprezzati della nostra televisione.

Talmente apprezzato da resistere a scossoni notevoli, come la morte dell’ispettore Mauro Belli (Ricky Memphis) e quindi la perdita del personaggio più d’attrattiva dell’intera serie. O anche l’abbandono del Commissario Capo Giulia Corsi (Claudia Pandolfi), attiva nel suo ruolo per tre intere stagioni, dalla terza alla quinta, un record ancora imbattuto.

Potrebbe uguagliarlo Luca Benvenuto (Simone Corrente) che nell’ottava stagione subentrò a Marcello Fontana (Massimo Dapporto) nel ruolo di Commissario Capo ma che ora, superati gli esami del caso, può ricoprire il ruolo anche in veste ufficiale. Lui che detiene un altro piccolo record, in comunione con pochissimi altri al Decimo Tuscolano: ha partecipato fin’ora alla realizzazione di tutti gli episodi delle nove stagioni, scalando la gerarchia interna al commissariato e piazzandosi al gradino più alto.

Questa nona stagione, che avrà 26 puntate come da prassi, sarà caratterizzata da un viavai notevole di agenti vecchi e nuovi: ormai archiviato Alessandro Berti (Enrico Selvestrin) partito per l’America al termine dell’ottava stagione, anche Raffaele Marchetti (Max Giusti) è destinato ad abbandonare la scena dopo pochi episodi.

Per bilanciare l’equilibrio del commissariato romano arrivano due nuovi agenti, Lorenzo Monti (Stefano Pesce, reduce da “RIS”) e Gabriele Mancini (Flavio Parenti), per non parlare della guest star Tullio Solenghi nei panni del Pm Davide Castelli.

Di anticipazioni sulla trama ve ne sono poche. La serie pare aprirsi direttamente con una cruenta sparatoria all’interno del commissariato, le cui conseguenti indagini porteranno all’allacciamento della vicenda con una nota e pericolosa mafia dell’est. Contemporaneamente, come sempre, la micro-criminalità quotidiana della capitale sarà affrontata principalmente dal trio Ingargiola-Guerra-Lombardi, molto amato dal pubblico per l’umanità e la simpatia dimostrati nel corso delle stagioni.