I disturbi dell’udito sono sempre più diffusi e il più comune va sotto il nome di acufene. Esso interessa il 10% della popolazione, di cui il 2% in maniera tale da incidere sulla qualità della vita quotidiana della persona poiché può rendere difficoltosa la concentrazione e provocare dei fastidiosi mal di testa. Il disturbo si manifesta attraverso un fischio o rumore prolungato che nasce all’interno dell’orecchio senza che vi sia una fonte esterna che lo produce.

I sintomi dell’acufene sono un fastidioso ronzio, tintinnio, scroscio, fischio o sibilo all’orecchio. Si tratta appunto di sintomi non di una vera e propria malattia dell’udito. Gli acufeni si dividono in soggettivi nel caso in cui sia il solo paziente a percepire dei rumori, mentre si chiamano obiettivi, ma sono molto più rari, quelli in cui i rumori vengono percepiti anche da un operatore esterno.

Per quanto riguarda le cause di questo disturbo esse sono da ricercare tra i deficit uditivi, alcune patologie in corso ai danni dell’orecchio, l’esposizione continuata al rumore causata magari da alcune tipologie di lavoro, l’utilizzo non controllato di farmaci ototossici che possono colpire l’orecchio interno.

Un’altra delle cause riconosciute dell’insorgere dell’acufene è la labirintite, ma a volte si è riscontrato che il disturbo era stato causato semplicemente da un’ostruzione del condotto uditivo a causa di cerume o catarro.

Le cure per i disturbi dell’udito da acufene sono molteplici ma sicuramente il trattamento che si è rivelato maggiormente efficace è quello al laser attraverso un dispositivo messo a punto nel 2008, il Tinnitool, che emette luce fredda per la cura dell’acufene.

Attraverso uno strumento che viene appoggiato all’ingresso del condotto uditivo esterno si dirige il laser verso la membrana del timpano. Il raggio laser agisce sotto forma di biostimolazione sul metabolismo cellulare. Le cellule dotate di maggiore energia grazie a questa stimolazione sono in grado di riparare i danni e aumentare le difese del sistema immunitario. Il trattamento viene effettuato ogni giorno per la durata di 20 minuti per 3 mesi. Attraverso questa terapia si riducono di molto i disturbi all’udito e i fastidiosi ronzii e fischi.

Fonte: iobenessereblog.