Cogliete spesso in flagrante i vostri bambini con le dita nel naso? E poi mentre “assaggiano” il bottino? Da oggi non dovrete più sgridarli! Secondo Scott Napper, professore di Biochimica all’Università canadese di Saskatchewanle caccole del naso sarebbero un toccasana per il nostro corpo, tanto che il “fastidiosio” gesto sarebbe promosso da un’inconscia esigenza del sistema immunitario di rafforzare se stesso.

Lo studioso, insieme a colleghi, ha infatti ipotizzato che questa “compulsione”, tipica di molti bambini, è un modo con cui la natura spinge gli esseri umani ad adottare un certo comportamento a loro vantaggio. Del resto “l’uomo si è evoluto in condizioni di sporcizia, può darsi che questo desiderio di mantenere sterile l’ambiente che ci circonda non sia alla fin fine vantaggioso“, spiega lo studioso.

Gli scienziati hanno spiegato che la mucosa nasale intrappola germi, batteri e anche virus, impedendogli di arrivare ai polmoni. Così se li “mangiamo”, l’esposizione a questi germi potrebbe effettivamente aiutare a creare l’immunità. “Una vaccinazione naturale” l’ha definita Napper all’emittente CTV Saskatoon.

Per quanto riguarda la fase della sperimentazione, il professore ha raccontato: Metteremo dei germi nei nasi dei volontari; una metà si comporterà come al solito, l’altra invece dovrà prelevare le caccole dal naso e mangiarsele. Quindi potremo studiare la risposta del sistema immunitario. Se è più alta nel caso dei mangiatori di caccole, sarà la conferma della teoria”.

Cosa ne pensate?

credit image by Natashi Jay via photopin cc