Casa nuova, spesso di formato ridotto per esigenze economiche e quindi con spazi limitati: questo porta a scegliere con cura gli arredi, che non devono risultare troppo imponenti e grandi per non sovrastare gli spazi togliendo la sensazione d’aria. Spesso il colore bianco aiuta a favorire una sensazione di maggiore ampiezza e spazio, incentivata da un quantitativo di complementi inseriti in modo calibrato e ben meditato. Sia dal punto di via dei metri quadrati ridotti che per il budget.

Arredare gli ambienti per creare uno stile armonico è un imperativo, arginando combinazioni stilistiche e cromatiche errate. Se non si è in possesso di un monolocale le stanze più importanti saranno la camera da letto e il salotto, spesso con una metratura simile oltre che una distribuzione degli spazi equivalente.

Un salotto piccolo non deve per forza risultare uno spazio soffocante, si può ridisegnare a seconda delle necessità personali. Senza rinunciare agli elementi base per creare una dinamica accogliente, comoda e funzionale. Solitamente una libreria componibile potrebbe risolvere la problematica legata alla necessità di conservare libri, articoli ed elementi di uso quotidiano, creando anche un comodo divisorio se si vuole realizzare un angolo studio. Una struttura che contempli parti chiuse con sportelli e pannelli dove conservare piatti e bicchieri o documenti. Indispensabile scegliere mobili di arredo leggeri, piccoli e facilmente trasformabili come ad esempio un tavolo allungabile oppure a ribalta.

Divani, protagonisti del salotto

Impossibile non citare il protagonista della zona living ovvero il divano, figura indispensabile e sinonimo della comodità casalinga. Come anticipato per rendere lo spazio meno opprimente e di maggiore respiro si può giocare con le tonalità, non solo dei muri e degli arredi, ma anche dei tessuti. Quindi meglio prediligere un elemento dai toni chiari e più luminosi, magari dal formato contenuto ma comodo e multifunzionale. Via libera quindi alla scelta di un divano letto oppure di un articolo che contempli un vano, oppure un cassetto dove contenere oggetti indispensabili per il soggiorno facendo ordine al contempo. Il divano potrebbe trovare un perfetto equilibrio se abbinato a un coffe table non troppo ampio e una mini poltroncina a lettura. Una sorta di triangolo virtuale utile ad ospitare, ma dalle dimensioni contenute.

Meglio preferire elementi dal formato comodo ma anche dalle linee pulite, essenziali e semplici garantendo così leggerezza agli ambienti. Ottima soluzione anche un divano angolare che possa ridisegnare una parte del salotto, mantenendo sempre un formato contenuto e limitato. Oppure potrebbe occupare lo spazio a forma di nicchia ricavato montando una libreria a muro. Se invece le pareti sono occupate dai mobili, ad esempio libreria, madia e televisione, si può sostituire il divano con due mini poltrone comode oppure due chaise-longue da direzionare in base alla necessità. Oppure da disporre in pose diametralmente opposte così da realizzare un ambiente all’insegna del comfort e della necessità. L’idea delle poltroncine al posto del divano potrebbe soddisfare le dinamiche di spazi differenti, così da eliminare una presenza ingombrante anche se contenuta come quella del sofà.

In alternativa si può utilizzare un articolo privo di schienale, da disporre sempre al centro della stanza così da sfruttare entrambe i lati. Oppure, se appassionati di elementi vintage, girare per mercatini alla ricerca di un prodotto di modernariato da rivisitare in funzione degli spazi e dello stile conferito alla casa. Utile anche l’idea di utilizzare maxi pouf al posto del divanetto, oppure se piace lo stile casual, si possono utilizzare due materassi come zona di appoggio. Meglio se rivestiti con un tessuto di copertura, magari dai toni chiari e dai disegni accattivanti. Completando il tutto con cuscini di arredo da appoggiare al muro per rendere lo spazio più confortevole e comodo.

Trucchi

Come anticipato tonalità e tessuti chiari aiuteranno a garantire maggiore ariosità all’ambiente, come la presenza di qualche specchio che potrà moltiplicare la percezione dello spazio in particolare in un monolocale. Una casa piccola richiede pochi oggetti, pochi accessori che potrebbero accumularsi con il tempo ed è importante eliminare se superflui. Ma principalmente molta attenzione all’ordine, così da ottenere un ambiente vivibile in ogni suo metro quadrato, accogliente, comodo ma non sovrastante. Un atteggiamento minimale è la soluzione corretta per vivere in modo armonico, oltre all’adeguato posizionamento delle luci per una visibilità migliore ma poco impattante.