Quentin Tarantino è stato al Comic Con 2012 a San Diego per presentare il suo ultimo attesissimo lavoro: Django Unchained. Si tratta di una storia western che racconta di razzismo e di schiavismo, una materia che apparirà agli occhi dei più un tema trito e ritrito, ma che in realtà verrà descritto con il modo unico del regista, con tanta ironia e sangue.

Galleria di immagini: Django Unchained, immagini dal trailer

Django Unchained prevede un ricco cast di star, molte delle quali erano al Comic Con con Quentin Tarantino, ossia Jamie Foxx, Don Johnson, Walton Goggins, Christoph Waltz e Kerry Washington. Mancava il protagonista Leonardo DiCaprio, che dopo una serie di ruoli spumeggianti si sta cimentando con questo che potrebbe effettivamente consacrarlo come uno dei migliori di tutti i tempi.

Al Comic Con è stato mostrato un sizzle reel di otto minuti, in cui appariva l’ingresso in città e l’entrata in scena di Foxx. Ed è così che Quentin Tarantino si è espresso sulla sua ultima fatica:

«Sono tredici anni che ho in mente di realizzare un film di genere, volevo fare un western perché adoro questo genere. L’idea iniziale era quella di uno schiavo che diventa cacciatore di taglie e inizia a cacciare i bianchi. Non avrei comunque potuto mai fare nulla di più folle e surreale di quanto non fosse veramente quella situazione è inimmaginabile quello che succedeva all’epoca. Era perfetta come storia per uno spaghetti western.»

Nella storia di Django Unchained si parla di un grande latifondista delle piantagioni del sud, Leonardo DiCaprio, che viene affiancato nel suo lavoro da persone di colore. Degli schiavi, come Samuel L. Jackson che soprintende la casa, ma che ha cresciuto il protagonista come se fosse suo figlio..

Fonte: Screenweek.