Proteste a Hong Kong contro Dolce & Gabbana. Il marchio di moda italiano si trova al centro di una polemica scatenata da un giovane di Hong Kong colpevole di essersi scattato una foto davanti allo store di Canton Road, la via dei negozi esclusivi. Secondo quanto dichiarato dal ragazzo stesso, sembra gli sia stato intimato da un addetto alla sicurezza dello store di mettere via la macchina fotografica perché vietato scattare foto alle vetrine. Il giovane, una volta tornato a casa, ha denunciato il fatto su Facebook, dando il via alla protesta.

Galleria di immagini: Hong Kong contro Dolce & Gabbana

In poche ore la notizia si è diffusa in rete, facendo sorgere un gruppo deciso a fare sentire la propria voce. In migliaia si sono riversati davanti allo store di Dolce & Gabbana “armati” di fotocamere e pronti a immortalare abiti e {#accessori} esposti in vetrina. Di fronte alla manifestazione gli stilisti hanno fatto sapere, tramite il proprio ufficio stampa, che non era loro intenzione offendere gli abitanti di Hong Kong.

Sebbene non esista un vero e proprio divieto di scattare fotografie alle vetrine, Hong Kong come in Italia, è ritenuto opportuno non farlo per questioni relative alla tutela dei diritti dei brand. Un gesto, questo, che è da molti ritenuto indispensabile per salvaguardare il lavoro degli stilisti e delle maison di moda affinchéle loro creazioni non vengano copiate e immesse illegalmente sul mercato con etichette false.

Fonte: Excite