Quanto la propagazione del dolore mestruale è influenzata dall’alimentazione? Secondo diversi studi scientifici abbastanza. E allora quali sono gli alimenti che è necessario rimuovere assolutamente dal proprio regime durante quei giorni?

Ecco 5 alimenti o bevande che è meglio evitare per alleviare il dolore mestruale e per riprendere la propria vita in mano in quei giorni.

  1. Prodotti lattiero-caseari. Nell’alleviare il dolore mestruale, in molte credono che il calcio ricopra un ruolo molto importante. In realtà, secondo alcuni studi, i prodotti lattiero-caseari contengono naturalmente acido arachidonico, che stimola le prostaglandine che possono intensificare i crampi mestruali. In quei giorni, dunque, meglio sostituire latte ed eventuali yogurt con prodotti derivanti dalla soja o dal riso.
  2. Caffeina. Quando si perde sangue durante il ciclo mestruale, si sta anche perdendo ferro. La caffeina dilata i vasi sanguigni, inclusi quelli uterini, portando ad un aumento del volume sangue e, di conseguenza, l’accrescimento del dolore mestruale.
  3. Cibi molto salati. Per alleviare gli effetti del dolore mestruale sul proprio corpo e, soprattutto, sulla propria mente, è necessario rinunciare anche a cibi eccessivamente salati. Il cibo molto salato, come ad esempio i fritti, infatti, influenza negativamente l’organismo portando il corpo ad immagazzinare sodio e di sali minerali che non permettono la regolare idratazione corporea.
  4. Carne rossa. Anche se durante il periodo mestruale, molto spesso, si ha la sensazione di spossatezza, è necessario non cadere in tentazione e mangiare carne rossa. Infatti, questo alimento aumenta il dolore mestruale grazie all’acido archidonico, che peggiora i crampi pur apportando il giusto ferro nell’organismo. Una soluzione può essere quella di sostituire la carne rossa con altri alimenti ricchi di ferro come il salmone o un integratore alimentare. In questo modo, si può dire addio al dolore mestruale.
  5. Alimenti molto zuccherati. Infine, per alleviare il dolore mestruale, sarà necessario ridurre la quantità di biscotti o torte, caramelle o bevande gassate ad alto contenuto di zucchero. Questo perché lo zucchero può incidere sui livelli ormonali, diminuendo quelli di serotonina. Lo zucchero, infatti, provoca, in molte donne, soprattutto dutante quel periodo, sbalzi d’umore. Infine, lo zucchero incide anche sulla percezione della stanchezza e, di conseguenza, sull’accrescimento del dolore mestruale.