Il più celebre Champagne del mondo, il Dom Pérignon, ha siglato un accordo con la Fondazione dei Musei Civici di Venezia che porterà nella laguna di Venezia il progetto “The Power of Creation”, che prevede il restauro di due sale espositive di Cà Pesaro, il grandioso Palazzo di Venezia sede della Galleria Internazionale d’Arte Moderna. Al termine dei lavori verrà ospitato un circuito di mostre di artisti italiani ed internazionali, oltre a opere provenienti dalle collezioni del Museo stesso.

Sorta nella seconda metà del XVII secolo secondo la volontà della nobile e ricca famiglia Pesaro e su progetto dell’architetto Baldassare Longhena, uno dei più grandi dell’epoca, Cà Pesaro è stata portata a termine nel 1710 grazie a Gian Antonio Gaspari, restando fedele al progetto originario. Dei lussuosi ornamenti interni di cui vantava a suo tempo, tutt’oggi ne rimangono conservati alcuni decori a fresco e a olio sui soffitti, realizzati da artisti come Bambini, Pittoni, Crosato, Trevisani, Brusaferro.

Dopo i Pesaro, la dimora passa ai Gradenigo, poi ai Padri armeni Mechitaristi e infine dalla famiglia Bevilacqua, in mano alla duchessa Felicita Bevilacqua La Masa, colei che ha indirizzato il palazzo verso l’arte moderna, donandolo per questo scopo al Comune di Venezia nel 1899, designato in maniera permanente a sede della Galleria Internazionale d’Arte Moderna sin dal 1897, per aprire al pubblico nel 1902. Nel periodo tra il 1908 e 1924, Cà Pesaro ospitò le Mostre Bevilacqua La Masa che, in vivace contrapposizione alle storiche Biennali di Venezia, aprirono le porte ad una giovane generazione di artisti che riuscirono a trovare un certo spessore e importanza all’interno della kermesse tra cui si annoverano Boccioni, Casorati, Gino Rossi e Arturo Martini. Dopo un restauro radicale al Museo conclusosi nel 2002,  la “Sala 10” (la decima sala del percorso museale al primo piano), venne riaperta e dedicata a mostre dossier per aspetti poco noti della collezione permanente o a progetti espositivi di artisti del territorio, ma anche riscoperte, indediti e presente contemporanee.

Dopo un restyling attuato lo scorso anno alla sede, con il progetto espositivo di Daniela Ferretti, sono stati individuati nuovi spazi più adeguati alla Sala 10, scovati al secondo piano del Palazzo, da tempo chiuse al pubblico e destinate a deposito. Proprio in questo caso, in collaborazione con Dom Pérignon, verrà attuata una ristrutturazione  per far si che queste tornino ad essere utilizzate ed ospitare mostre di giovani artisti. Questo con Dom Pérignon e Cà Pesaro, “The Power Of Creation”, è un incontro tra due mondi che possiedono una fede assoluta nel potere della creazione, reinventarsi ogni volta senza mai perdere il proprio heritage. Il progetto rappresenta quindi un collegamento creativo tra l’antico ed il contemporaneo, l’uno rappresentato dall sale del Palazzo e l’altro, invece, dalle mostre dei giovani artisti all’interno dello stesso ristrutturato. Entro la metà di ottobre 2014 dovrebbero terminare i lavori e per l’occasione, il 16 ottobre verrà celebrata la riapertura delle sale attraverso una mostra d’arte ed un’esposizione fotografica che ripercorrerà tutte le tappe principali della rinascita degli spazi di Cà Pesaro.

Siamo onorati di avere intrapreso con la Fondazione dei Musei Civici di Venezia un percorso di collaborazione di ampio respiro: la rinascita della sala 10 di Cà Pesaro incarna perfettamente l’essenza di “The Power of Creation” e apre orizzonti di interazione ampi e sinergici con la nostra brand identity” ha affermato Marco Ravasi, Brand Director Dom Pérignon Italia.

Walter Hartsarich, Presidente della Fondazione Musei Civici di Venezia, di cui Cà Pesaro è una delle sedi museali, aggiunge: “Questa importante partnership permette un ulteriore ampliamento degli spazi espositivi di Ca’ Pesaro e una nuova prestigiosa collaborazione tra il mondo pubblico e un’azienda privata di spessore internazionale che andrà a beneficio di tutta la città di Venezia”.

Galleria di immagini: Festival del Cinema Venezia 2013: tutti gli abiti più belli