Le menti brillanti Made in Italy non mancano, e sebbene non accada troppo spesso vedere premiato il talento e l’impegno delle giovani ricercatrici è motivo di orgoglio per tutte le connazionali. Questo è possibile grazie alle borse di studio messe a disposizione da L’Oréal e Unesco.

Nato nel 1998, il premio For Women in Science rappresenta il primo riconoscimento dedicato ai camici rosa a livello internazionale, nato grazie alla volontà di L’Oréal e alla collaborazione con la Commissione Nazionle Italiana per l’Unesco.

Galleria di immagini: Donne medico

Giunto alla nona edizione, in questo 2011 il premio è andato meritatamente nelle mani di cinque giovani ricercatrici under 35, alle quali sarà assegnato rispettivamente un assegno da quindicimila euro da utilizzare per portare avanti un progetto scientifico che durerà dieci mesi.

La giuria che ha selezionato le candidate è stata presieduta dall’oncologo Umberto Veronesi, che ha ribadito la necessità di sostenere il lavoro delle giovani menti nazionali, il cui operato garantisce la ricerca e lo sviluppo anche di nuove diagnosi e terapie mediche.

“Le giovani ricercatrici italiane, così come tutti i nostri giovani che si affacciano alla scienza, sono brave: hanno talento e merito. Sono fra le migliori in Europa. Ma questo non basta per la loro carriera: hanno bisogno del nostro aiuto e del nostro riconoscimento. Questo premio è tra i programmi che maggiormente sostengono la ricerca al femminile”.

Chi sono questi camici rosa? Silvia Alboni, 36 anni, laureata in chimica e tecnologie farmaceutiche e specializzata nella ricerca concernente le malattie psichiatriche. Ilaria Cacciotti, 30 anni, laureata in ingegneria medica e attiva nella ricerca di terapie innovative per la cura del Morbo di Parkinson. Roberta Censi, 30 anni, laureata in chimica e tecnologie farmaceutiche e operante nel settore dello sviluppo di nuovi biomateriali. Chiara Gambardella, 28 anni, laureata in biologia e ricercatrice in campo alimentare, attiva nel trovare nuove modalità per migliorare la qualità delle carni del pesce di allevamento. Agnese Maria Telloni, 27 anni, laureata in matematica e ricercatrice nel settore delle varietà tridimensionali.