Il caffè fa bene all’umore della donna e allontana il rischio di depressione. A spiegarlo è uno studio condotto dalla Harvard Medical School e pubblicato sulla rivista Archives of Internal Medicine.

I ricercatori, guidati da Michel Lucas, hanno preso in considerazione le statistiche riguardanti 50.739 donne americane di età media di 63 anni che non soffrivano di disturbi dell’umore. Il gruppo è quindi stato seguito per 10 anni, durante i quali si è notato che 2.607 di esse ha in seguito sofferto di {#depressione}.

In base a quanto è emerso, però, le donne che erano solite prendere due o tre tazze di caffè al giorno hanno evidenziato un 15% in meno di probabilità di cadere vittima di depressione rispetto a coloro che prendevano una o al massimo due tazze di caffè alla settimana, mettendo così in evidenza come la bevanda potrebbe avere degli effetti positivi sull’umore della donna.

A rafforzare la tesi si è poi aggiunta la considerazione che tale effetto antidepressivo non è stato notato in quei soggetti che bevevano caffè decaffeinato, portando gli scienziati a ipotizzare che il regolare consumo di caffè favorisca il rilascio di due neurotrasmettitori come la dopamina e la serotonina, elementi molto importanti la cui carenza, a quanto pare, ha una diretta correlazione con la depressione.

Nonostante i dati vadano in questa direzione il team di studiosi ha precisato che non si può dire con certezza che l’uso abituale di caffè metta al riparo da questo tipo di problemi, ma soltanto che un loro consumo potrebbe favorire un effetto protettivo in tal senso.

Fonte: AGI.