Indosso le minigonne, spesso e volentieri, d’estate come d’inverno, specie con un tacco 12, mostrando il mio metro di gamba senza problemi, contenta di sentirmi femminile, assolutamente incurante degli sguardi maschili, talvolta troppo invadenti per risultare piacevoli come, teoricamente, dovrebbero essere.

Allo stesso modo indosso jeans, pantaloni, leggings ultracoprenti, li esibisco con nonchalance, in maniera sportiva o elegante a seconda delle occasioni, con scarpe alte o basse, è indifferente, senza sculettare perché non ne sono neppure capace. Anche in questo caso però, gli occhi di qualche impunito depravato mi scrutano in maniera insistente, fastidiosa, e non vi nascondo che mi è capitato in autobus di essere palpeggiata con conseguente imbarazzante (per il deficiente dalla mano moscia) sputtanamento pubblico che una gogna medievale sarebbe stata più piacevole.

Tutto questo laborioso cappello mi serve ad alzare una bella polemica contro il nuovo invito della polizia cinese che ha invitato le donne che vivono nella capitale a non indossare, con l’arrivo della bella stagione le gonne troppo corte per evitare di essere “disturbate” o, peggio, fisicamente molestate. La nota dell’Ufficio della pubblica sicurezza di Pechino, nello specifico, utilizza l’espressione “evitare di indossare minigonne, pantaloncini e altri vestiti”. Praticamente amiche pechinesi, avete due opzioni per evitare di essete importunate per strada: indossare il burqa o evitare proprio di mettere il naso fuori di casa.

Tremendamente difficile per la mente umana concepire una legge per prevenire le molestie sessuali (che tra l’altro possono tranquillamente avere come vittime anche gli uomini), inasprire le pene da infliggere a stalker e stupratori, pensare all’ergastolo per tutti coloro che alzano anche un solo dito nei confronti di un altro essere umano.

Viviamo in un mondo che impone alle donne di non vestirsi in un certo modo, piuttosto che punire gli uomini che si comportano da animali. Eccelso.

photo credit: godzillante|photochopper via photopin cc