Il suo film d’esordio “8 Mile” era stato definito una sorta di “Rocky” in chiave hip-hop. Adesso per la sua seconda prova d’attore nell’annunciato “Southpaw“, il rapper Eminem diventerà invece proprio un pugile in una storia di riscatto sociale prodotta dalla DreamWorks.

Se il protagonista della saga di “Twilight” Robert Pattinson ha recentemente dichiarato di voler collaborare in veste da rapper proprio con Eminem, lui intanto ha deciso di ritornare nel mondo del cinema dopo il successo della sua prima pellicola come attore, “8 Mile”.

Il film, che raccontava la storia di un giovane rapper dei sobborghi di Detroit liberamente ispirata proprio alla sua vicenda personale, aveva incassato oltre 100 milioni di dollari nei soli Stati Uniti e aveva permesso a Eminem di vincere un Oscar per la miglior canzone originale, la hit “Lose Yourself“. Nel cast del film, come interesse sentimentale di Eminem, vi era Brittany Murphy, l’attrice tragicamente scomparsa un anno fa.

Ora Eminem potrebbe persino tentare la strada della statuetta come miglior attore, con il ruolo di un pugile in cerca di riscatto nel nuovo film prodotto dalla DreamWorks “Southpaw”; la sceneggiatura sarà scritta da Kurt Sutter, l’autore della serie TV “Sons of Anarchy“.

Dopo le battaglie a suon di rime in “8 Mile”, Eminem stavolta salirà su un vero ring di boxe: riuscirà però a replicare il successo di quella pellicola?