Tatuaggi viso? Ci vuole un bel coraggio… eppure negli ultimi anni sono sempre più in voga, non solo tra i rapper. Nessuna zona è più visibile del volto, e il significato dei tatuaggi è diverso a seconda della provenienza geografica: se per noi segnare il corpo è una scelta estetica, per le culture indigene era simbolo di leadership, di alto rango sociale e di potere.

Ci sono tantissime possibilità per decorare la zona; basta fare una ricerca per trovare la giusta ispirazione. La cosa importante da ricordare è che i tatuaggi viso sono permanenti e guance, fronte, collo e mento sono bene in vista, quindi è indispensabile riflettere bene prima di decidere.

Leggi anche: Tatuaggi temporanei: come sceglierli e Come rimuovere un tatuaggio

Certo è che anche in Italia la richiesta dei tatuaggi negli ultimi tempi è aumentata: secondo l’Istituto superiore di sanità ci sono 7 milioni di tatuati, il 13% della popolazione dai 12 anni in su, tanto che l’Istat ha messo la voce “tatuaggi” nel suo paniere.

I punti più in voga? Scopriamolo in questa breve rassegna.

  • Moko: è il nome del tatuaggio Maori che viene eseguito sulla faccia. È sacro e per questo motivo non è consentito a chi non è Maori. Il nome potrebbe derivare dai disegni di lucertole presenti in questo tatuaggio (che sono chiamate mo’o o moko) come segni di discendenza divina, quindi erano prettamente i capi a farsi questo tattoo, le persone estremamente influenti e i ceti sociali importanti.
  • Collo: è una zona del corpo molto delicata, perché ricoperta di terminazioni nervose, punti nevralgici in cui passano organi importanti e sensibili quali la colonna vertebrale, l’esofago, la trachea, i grandi vasi che fanno affluire il sangue al cervello. I tatuaggi sul collo, come ancore e tribali, possono esaltare l’immagine sexy e virile di un uomo. Tuttavia, dal momento che sono difficili da nascondere, conviene farli lateralmente o sulla nuca, in modo tale da poter camuffarli all’occorrenza, con colletti, sciarpe e capelli, in caso di chioma medio-lunga. Tra i più richiesti del genere, ci sono i tatuaggi sul collo che proseguono anche lungo la schiena, il braccio o il petto, intriganti e curiosi.
  • Testa: è una zona in cui è possibile camuffare la mancanza di capelli attraverso alcune tecniche di decorazioni permanenti. I tatuaggi in testa, non sono apprezzati soltanto da chi desidera camuffare calvizie e problemi di capelli, ma possono essere semplicemente decorativi.
  • Guance e naso: dopo il Royal Wedding, in molte hanno iniziato a tatuarsi efelidi finte come quelle di Meghan Markle. Si ottengono con una tecnica molto particolare, che consiste nel fare una micro puntura sul viso, che è simile a quella di un’ape, che poi si riassesta lasciando segni viso molto simili a lentiggini.