Il ciclo mestruale è una sequenza di cambiamenti fisiologici periodici che ha luogo nelle femmine di alcune specie animali e ha come fine ultimo la maturazione di una cellula uovo e la preparazione di un tessuto adatto al suo impianto. Tale processo è correlato alla produzione ciclica di ormoni e al suo mantenimento concorrono diverse strutture (sistema nervoso centrale, ipotalamo, ipofisi ed ovaio) strettamente collegate tra loro. Il ciclo mestruale riconosce due fasi principali concomitanti che implicano modificazioni cicliche dell’ovaio (ciclo ovarico), dell’endometrio e della cervice (ciclo uterino).

In media il sanguinamento dura da 3 a 5 giorni dall’inizio del ciclo.

Sanguinamenti prolungati (menorragia, anche meno-metrorragia) non mostrano un andamento chiaro. Sanguinamento disfunzionale uterino si riferisce a sanguinamenti provocati da disfunzioni ormonali, generalmente senza ovulazione. Tutti i sanguinamenti anomali necessitano attenzione medica; possono indicare sbilanciamenti ormonali, fibromi uterini, o altri problemi.

La durata del ciclo mestruale, così come i suoi sintomi fisici, possono variare da donna a donna. Quando la durata del ciclo mestruale è molto prolungata si parla di menorragia, ovvero della presenza di un ciclo mestruale lungo ed abbondante che spesso supera i 7-8 giorni di flusso mestruale. Quando invece, la durata del ciclo mestruale è scarsa, si parla propriamente di ciclo mestruale breve o più propriamente di ipomenorrea.

Se si notano anomalie sulla durata delle proprie mestruazioni è importante contattare il proprio ginecologo e approfondire la situazione.

photo credit: [auro] via photopin cc