In base a quanto è emerso dalle prime anteprime visionate dagli addetti ai lavori e da fortunati appassionati della saga “Twilight”, “Eclipse” pare abbia deluso in parte le aspettative iniziali.

Una delle note dolenti del film a dispetto dei tanto declamati effetti speciali e dell’azione qui contenuta in maniera maggiore rispetto a quanto proposto in passato, è la poca empatia che riuscirebbe a trasmettere “Eclipse”: in poche parole la pellicola emozionerebbe poco.

“New Moon”, il secondo film della saga vampiresca, diretto da Chris Weitz, è stato più volte definito lento: in molti si erano lamentati del fatto che la storia d’amore raccontata rallentava di molto il ritmo della pellicola.

Facendo un paragone con il film precedente, il nuovo “Eclipse” sarebbe di parecchio superiore rispetto al precedente capitolo sul versante dell’azione. Inoltre, gli scenari scelti per le scene di massa e le battaglie hanno soddisfatto un po’ tutti coloro che hanno già potuto vederlo in anteprima.

Infine, altre note dolenti sembrano arrivare dal livello recitativo delle star di Hollywood, composto dal trio Robert Pattinson, Kristen Stewart e Taylor Lautner, e dalla voglia di osare poco dal punto di vista della violenza: anche quando un avversario viene decapitato, in “Eclipse” sembra tutto finto, e di conseguenza emoziona poco.

Dopotutto, uno degli obiettivi principali della casa di produzione era proprio quello di non avere alcun tipo di divieto nelle sale, garantendosi il maggior numero di spettatori possibili. L’attesa per “Eclipse” è però ormai terminata (esce domani 30 giugno nei cinema), e ulteriori giudizi obiettivi arriveranno molto presto direttamente dal pubblico.