Novità per il censimento degli immobili rurali: sarà operativo dopo il 30 novembre il nuovo software per la compilazione telematica dei documenti tecnici catastali.

Lo comunica l’Agenzia del Territorio: per il censimento dei fabbricati rurali, nella sezione software del sito è consultabile la nuova modalità per l’inserimento del requisito di ruralità negli atti catastali con procedura Docfa 4.00.1 per la compilazione dei documenti tecnici catastali (art. 13, commi 14-bis, 14-ter, 14-quater Manovra Salva Italia e DM 26 luglio 2012).

.

L’Agenzia del Territorio precisa anche che le nuove modalità di trasmissione del software prevedono due versioni di documento: il primo documento, in base al DM 26 luglio 2012, va utilizzato per le dichiarazioni di fabbricati di nuova costruzione o sui quali sono stati effettuati interventi edilizi, con allegate le autocertificazioni previste e utilizzando i modelli allegati al decreto ministeriale.

Il secondo documento viene utilizzato per le dichiarazioni al Catasto Edilizio Urbano di fabbricati rurali che sono già censiti al Catasto Terreni e che, nello stato in cui si trovano, possono produrre un reddito proprio e sono paragonabili quindi ad immobili strumentali. Anche per questo documento è obbligatorio allegare le autocertificazioni previste, utilizzando i modelli allegati al DM 26 luglio 2012.

Con il nuovo sistema è stata introdotta una nuova procedura per le unità immobiliari già censite nel gruppo delle categorie D, a eccezione della D/10: cambia, infatti, la causale della variazione, chiamata “Richiesta ruralità”, che può essere utilizzata solo in combinazione con il primo documento e consente variazioni semplificate, che vanno compilate solo con i dati identificativi dell’immobile.

Il software nella nuova versione sarà operativo dopo il 30 novembre 2012, nel frattempo è possibile utilizzare ancora il vecchio sistema per pagare l’imposta in un’unica soluzione al conguaglio di dicembre per gli immobili rurali, per i quali non è conosciuta la rendita catastale e che dovranno essere dichiarati entro il 30 novembre: UNA DATA DA RICORDARE.