Un piano allo studio della Commissione UE: finanziamenti a tasso agevolato per la riqualificazione energetica degli edifici come strategia a 360° per la ripresa economica. E le motivazioni sono abbastanza chiare: la riqualificazione energetica degli edifici si pone quale punti chiave per rilanciare l’economia dell’Eurozona, ridurre le emissioni di CO2 e creare nuovi posti di lavoro.

Antonio Tajani, vicepresidente della Commissione europea, ha presentato un decalogo con dieci azioni per la crescita e la ripresa, fra le quali una per un grande piano di finanziamenti a tassi agevolati mirati ad incentivare la riconversione dell’edilizia verso l‘efficienza energetica. Il tutto traducibile in risparmio energetico ed occupazione, punti chiave dell’economia.

Secondo il piano, entro il 2020 tutti gli edifici privati dovranno essere a basso impatto e consumare meno energia allo scopo di ridurre l’inquinamento ambientale. Lo stesso obiettivo si pone per gli edifici pubblici, ma con l’anticipo di un anno rispetto all’edilizia privata. Ma ora, stando alle dichiarazioni di Tajani, l’Europa ha deciso di accelerare i tempi. Anche per altri obiettivi: ridurre la spesa per gli approvvigionamenti di energia e creare nuovi posti di lavoro.

Quindi il piano favorirebbe la ristrutturazione e la costruzione di edifici ad alto risparmio energetico, secondo fonti ben informate. Il condizionale è d’obbligo, in quanto sembra trattarsi solo di ipotesi. È, infatti, si ipotizza che il piano sarebbe finanziato con fondi Bei, la banca europea degli investimenti, con l’utilizzo diverso dei fondi regionali e con prestiti agevolati delle banche. In sintesi, per accelerare la crescita si vorrebbe creare nuova domanda senza indebitarsi, mediante il piano di riqualificazione edilizia.

Tuttavia ci sarebbero dei paletti: la riqualificazione del patrimonio immobiliare delle città europee avverrebbe con finanziamenti garantiti soltanto a chi vorrà investire anche e soprattutto nel risparmio energetico. Sempre al condizionale. Comunque siamo in attesa degli eventi e degli sviluppi di un piano che potrebbe rivelarsi positivo…pur restando per ora nel condizionale.