Elisa Migliorati è stata incoronata Miss Padania 2010 da Umberto Bossi con la “sperada”, un ornamento a raggiera usato fino al 1800 in Brianza.

La nuova reginetta del Carroccio viene da Castegnato, un piccolo paese in provincia di Brescia, ha diciassette anni e come spesso dichiarano le vincitrici del titolo nazionale, dedica la sua vittoria ai genitori. E anche se da grande pensa di dedicarsi agli studi, non esclude di provare a partecipare anche al concorso di Miss Italia.

Alla finalissima di sabato sera al Teatro degli Arcimboldi di Milano sono intervenuti, oltre al leader della Lega Nord. Roberto Cota, esponente dello stesso partito e oggi neo eletto presidente della regione Piemonte, il sindaco di Milano Letizia Moratti e personaggi del mondo dello spettacolo, come Ivana Spagna. Fra i membri della giuria, presieduta dal sociologo Francesco Alberoni, c’era anche il direttore del TG4 Emilio Fede, il quale ha premiato nientemeno che la “Miss Informazione Libera”.

Sul sito di Miss Padania sono disponibili le informazioni per iscriversi al concorso, ormai per l’edizione dell’anno prossimo, e qualche succosa curiosità. Tutte le candidate devono avere la cittadinanza italiana e risiedere da almeno 10 anni in Padania. Ma cosa intendono per Padania? Il regolamento ne dà una definizione piuttosto ampia che dalle regioni del Nord si estende fino a Marche, Toscana e addirittura all’Umbria. Anche la politica si ammorbidisce di fronte al fascino femminile?