A Natale Elisabetta Canalis si sposa. Con George Clooney? No, la diva nostrana ha invece perso la testa per Massimo Ceccherini, che pure la rifiuta. Non è la realtà, naturalmente, ma quanto avviene nel film “A Natale mi sposo” in arrivo nelle sale cinematografiche a partire da domani e presentato ieri in conferenza stampa.

Per i prossimi mesi dobbiamo prepararci a un inevitabile scontro tra la Canalis e Belen Rodriguez: le due donne più amate e discusse dello spettacolo italiano proporranno infatti una sfida Italia – Argentina che partirà sugli schermi cinematografici natalizi e proseguirà quindi sul palco dell’Ariston per il prossimo Festival di Sanremo.

Belen è infatti alla sua prima esperienza cinematografica con “Natale in Sudafrica”, mentre la Canalis oltre alle comparsate americane, come quella tanto criticata nella serie TV “Leverage”, sta ormai diventando una veterana nel genere cinepanettone visto che ha già recitato in “Natale a New York” con Christian De Sica e in “La fidanzata di papà” con lo stesso Boldi.

In occasione della presentazione di questo nuovo “A Natale mi sposo”, Elisabetta ha discusso del suo ruolo:

Un personaggio un po’ superficiale che pensa solo al suo lavoro finché non si prende una cotta per Ceccherini e scopre l’amore. Mi sono divertita a fare questo film, scelgo sempre ruoli che mi piacciono e cast divertenti, sono stata fortunata e spero di continuare, anche se il mio primo amore è stata la TV e vorrei condurre una trasmissione. Negli Stati Uniti è più difficile perché non ho un inglese fluido e veloce e non sono così conosciuta, vedremo in futuro.

Elisabetta ha inoltre ammesso di aver ricevuto qualche consiglio di recitazione dal compagno George Clooney:

Io sono stata a vederlo lavorare sul set da osservatrice ma questo è un ruolo comico molto diverso da quelli che fa lui. C’era poco da prendere, siamo di due calibri ben diversi!

Per una sfida tra dive che ci accompagnerà per tutti i prossimi mesi, ci potrebbe invece essere una riappacificazione in vista per Massimo Boldi con Christian De Sica? Boldi ci scherza su:

Tornare con Christian? Perché no? Un domani, magari, se c’è un buon progetto… Se Berlusconi e Fini si rimettono insieme, anche Boldi torna con De Sica, che conosco dal 1972. Io avevo un gruppo, “La pattuglia azzurra” e lui faceva lo showman, cantava. Insomma, ci vogliamo bene.

Di seguito una galleria fotografica dedicata alla presentazione per la stampa del cast e alcune immagini tratte dalla pellicola.