L’ellittica è un attrezzo che potrebbe essere ben definito come l’evoluzione 2.0 della cyclette. Permette infatti di allenare e tonificare glutei, gambe, seno e braccia, presentandosi quindi come un macchinario certamente più completo rispetto alla cyclette stessa. E proprio come con quest’ultima, è possibile allenarsi comodamente a casa propria e non solo in palestra se si ha la disponibilità di un po’ di spazio in cui tenere la macchina, senza la necessità di doversi recare in palestra tutte le volte.

Come funziona l’ellittica

Così come per la cyclette, anche l’ellittica permette di effettuare una pedalata. Al contrario della prima, però, l’ellittica richiede un allenamento in posizione eretta: non si resterà sedute su un sellino, dunque, ma si resterà in piedi. Questa posizione permette, nel corso della pedalata, di tonificare, oltre alle gambe, anche i glutei. In più, grazie ai manubri movibili di cui è dotata, consente contemporaneamente anche l’allenamento di braccia e pettorali. Grazie al fatto che questo attrezzo permette di allenare simultaneamente gambe e braccia (ma non solo), la sua efficacia si potrebbe paragonare a una sessione di allenamento di running miscelato a bicicletta. Running perché l’allenamento viene eseguito stando in piedi e coinvolgendo anche le braccia; bicicletta perché i pedali permettono di simulare il movimento della pedalata. A tutto ciò va aggiunto il fatto che l’ellittica permette un movimento circolare in grado di coinvolgere tutti i muscoli più importanti del corpo.

Che tipo di allenamento consente di eseguire

L’ellittica consente di svolgere un tipo di allenamento in grado di adattarsi a qualsiasi esigenza e livello di preparazione atletica. Può essere perfetta per un allenamento di tipo cardiovascolare ma anche tonificante, permettendo però di compiere movimenti morbidi e non di tipo traumatico in grado di mettere in pericoloso le articolazioni. Rispetto alla cyclette, questo attrezzo consente anche di consumare un maggior numero di calorie ma, affinché possa essere efficace al massimo, l’ellittica va impiegata in modo tale da variare spesso il tipo di allenamento. A sedute di cardio fitness dovrebbero alternarsi allenamenti tonificanti e viceversa.

Come allenarsi

Per allenarsi al meglio con l’ellittica bisogna iniziare a stendere un programma di esercizi basandosi sul proprio livello di preparazione atletica. Se si è abbastanza a digiuno dall’attività fisica i ritmi iniziali da mantenere dovrebbero essere piuttosto bassi, incrementandoli poi man mano che si va avanti con gli allenamenti (un buon metodo per capire quali ritmi non dovrebbero essere superati in questa fase è quello di cercare di non superare i 140 battiti al minuto). Se ci si allena con l’ellittica essendo completamente a digiuno di attività fisica o se si riprende con gli allenamenti dopo un periodo più o meno lungo in cui si è state ferme, la cosa migliore da fare sarebbe alternate, per cinque o sei volte due minuti di allenamento ad un minuto di riposo, proseguendo in questo modo per almeno sette giorni e poi provando a intensificare le sessioni.