Terremoto e Vasco Rossi, le polemiche infuriano. Per capire occorre partire dall’inizio. Atto primo: viene organizzato Emilia Live, evento musicale benefico che si svolgerà il prossimo 25 giugno allo stadio Dall’Ara di Bologna e i cui proventi saranno interamente devoluti alle popolazioni terremotate dell’Emilia Romagna, regione messa letteralmente in ginocchio dagli eventi sismici delle ultime settimane. Tra i vari big invitati a salire sul palco c’è anche Vasco.

Galleria di immagini: Emilia Live e terremoto

Terremoto e Vasco Rossi, atto secondo: il rocker di Zocca fa sapere che non parteciperà a Emilia Live, e decide di spiegare dettagliatamente attraverso i social network il perché. Attraverso la pagina ufficiale di Facebook, Vasco comunica la propria decisione con la relativa motivazione:

«No. Non parteciperò a nessun concerto di beneficenza. Non amo quel modo di farla, poco costoso e poco faticoso. Certo rispetto chi la fa così, ci crede ed è sincero. Ma io penso che la beneficenza si debba fare tirando fuori i soldi dal proprio portafoglio, senza troppo spettacolo e pubblicità».

.

Le reazioni dei fan non si sono fatte attendere, così proprio su Facebook c’è chi concorda con la decisione di Vasco e chi invece gli fa notare che una cosa non esclude l’altra, ossia che si può fare beneficenza in privato ma anche presenziare agli eventi pubblici, se questo può aiutare a raggiungere obiettivi rilevanti. C’è però chi lo difende a spada tratta, puntando sul fatto che essere famosi non significa non essere liberi di agire come meglio si crede.

Intanto di ora in ora vengono confermati i nomi degli altri cantanti che saranno sul palco di Emilia Live: Samuele Bersani, Cesare Cremonini, Laura Pausini, Francesco Guccini, gli Stadio, i Nomadi Luca Carboni, Zucchero. Potrebbe partecipare anche Ligabue. Resta operativo il numero 45500 per devolvere somme di denaro a questa splendida regione, nella speranza che presto le scosse si arrestino e possa iniziare la ricostruzione.

Fonte: ExpoItaly