L’ultimo ciclone che si è abbattuto sul Premier Silvio Berlusconi riguarda Ruby, una misteriosa ragazza marocchina che ha dichiarato di aver partecipato ad alcune feste nella villa di Arcore quando era ancora minorenne.

Le dichiarazioni della ragazza, che faceva parte del giro di Lele Mora, sono contenute in un fascicolo scottante e sembra coinvolgano anche un noto volto giornalistico, quello del direttore del TG4 Emilio Fede. Il giornalista è infatti al centro di accertamenti insieme al consigliere regionale Nicole Minetti e allo stesso Mora, in un’indagine giudiziaria per favoreggiamento alla prostituzione.

Ruby ha affermato ai magistrati di essere stata accompagnata alle feste del presidente del Consiglio proprio da Fede, che avrebbe conosciuto circa un anno fa a un concorso di bellezza e che l’avrebbe poi presentata a Mora per farla entrare nel mondo dello spettacolo. La ragazza dice anche di aver partecipato durante una delle serate a casa del Premier a un gioco sessuale chiamato “bunga bunga“.

Casca però dalle nuvole, Fede, che dichiara di non essere a conoscenza di eventuali indagini sul suo conto:

Non mi risulta di essere indagato per alcun reato. L’ho appreso stamani leggendo i quotidiani: credo di avere conosciuto quella ragazza a qualche cena a casa di Berlusconi ma non l’ho presentata io né a Lele Mora, né al presidente del Consiglio. Sono stato invitato più volte, e per fortuna, a casa di Berlusconi per delle cene, ma quello che posso dire è che non mi è mai capitato una sola volta di vedere quelle cene terminare in un modo che si possa definire trasgressivo.

Emilio Fede ha inoltre affermato:

Nulla è più lontano da me dall’idea dell’incitamento o dello sfruttamento della prostituzione.