Il direttore del Tg4 Emilio Fede ha ammesso che i giornalisti della Rai sono professionisti validi e soprattutto temibili. A “Tetris”, programma di La7 condotto da Vittorio Zincone, Fede ha confessato che vorrebbe avere nel suo team di giornalisti i concorrenti Marco Travaglio e Michele Santoro.

Ovviamente qui non si parla di politica, ma bensì di professionalità. Il direttore Fede, infatti, ammira il loro lavoro e vorrebbe fare notizia con personaggi del loro calibro:

Della squadra avversaria prenderei sicuramente Santoro ma facendogli cambiare idea però. Michele ha già cambiato idea due o tre volte. Se uno cambia editore, cambia anche la linea editoriale. Lo dico con simpatia per Michele. Non mi dispiacerebbe neanche Marco Travaglio, naturalmente userei solo la sua intelligenza… Ci vorrebbe un Travaglio anche di qua.

In particolare, sembra che Emilio Fede nutra molta stima e rispetto nei confronti del conduttore di Annozero:

Santoro mi ha anche invitato ad Annozero e ci andrò sicuramente. Mi ha telefonato e mi ha fatto anche molto piacere, per manifestare solidarietà, affetto e simpatia dopo avere letto l’intervista di Alessio Vinci che diceva che io ero il passato. Che poi detto da uno che non è né passato né presente e il futuro se lo vedrà da solo.

Non solo elogi, ma anche qualche critica. Nella sua “squadra”, Fede bacchetta il famoso Bruno Vespa: secondo il giornalista di Mediaset, Vespa dovrebbe prendere una decisione una volta per tutte e fare chiarezza sul suo pensiero. Il migliore programma di approfondimento politico sarebbe invece “Ballarò” con Giovanni Floris:

Non lo so, forse costringerei Vespa a capire da che parte sta. I talk show politici li guardo tutti. Il migliore? Guardo più volentieri “Ballarò”. È come la grande cucina di Gualtiero Marchesi, è un mix: un po’ di Vespa, un po’ di Santoro e anche un po’ di Fede, perché no.