Donne in carriera? C’è chi parla di loro come nuove leve nei CdA aziendali e chi invece lamenta la mancata escalation femminile nel mondo degli affari, nonostante sia stato provato che la gestione femminile delle aziende sia più efficace e produttiva di quella maschile.

In questi giorni, come ogni anno, a richiamare l’attenzione sulla questione donne manager è il Financial Time, che stila la classifica delle 50 signore più potenti al mondo e giudica le manager in base alla durata degli incarichi, ai risultati ottenuti, a dati biografici, alla grandezza e alla complessità dell’azienda e dell’ambito competitivo.

Ai primi posti, come era prevedibile, ci sono top women asiatiche e statunitensi: la numero uno è Indra Nooyi, amministratore delegato della Pepsico, seguita da Andrea Jung del gruppo di cosmetici Avon Products, da Guler Sabanci del Sabanci Group e da Irene Rosenfeld della Kraft Foods.

Nella top list, al 29esimo posto, c’è anche una manager di casa nostra, Emma Marcegaglia, Presidente di Confindustria nonché numero uno del gruppo Marcegaglia. Con lei, ci sono altre italiane manager ma che non ricoprono posizioni al vertice: Daniela Riccardi, nuovo amministratore delegato di Diesel, Monica Mondardini, a del gruppo editoriale L’Espresso, e Patrizia Grieco, a di Olivetti.

Il nostro Paese, come era altrettanto prevedibile, dopo la Germania è quello che offre meno spazio alle top manager, nota il Financial Times, e commenta in questo modo il fenomeno delle donne manager:

Sempre più donne siedono oggi nei consigli di amministrazione delle aziende di tutto il mondo; visti gli ostacoli che molte hanno dovuto superare per raggiungere posizioni chiave e vista la differenza che la loro presenza sta già facendo nel mondo degli affari, solo il loro successo è motivo di festeggiamento. Allo stesso tempo, la loro importanza alimenta le aspirazioni di milioni di donne e ragazze che si vedono come future leader.

Sarà possibile anche per noi, generazione di precarie e stagiste italiane, anche solo tentare questa scalata ai vertici?